Alessandra e Marinella sono due sorelle gemelle accomunate tra loro solo dall'aspetto fisico. Alessandra è una cinica donna in carriera la cui ambizione è quella di "essere sempre impegnata" e Marinella, al contrario, è quella timida ed introversa, con un carattere morbido e dolce ancora in cerca del suo "perché". Si ritrovano dopo quarant'anni nella loro casa di famiglia a causa della morte del padre, il quale le abbandonò a soli otto anni, per discutere dell'eredità. Dopo molto tempo le due sorelle sono praticamente costrette a guardarsi negli occhi fungendo da specchio l'una per l'altra. Tra l'altro quella casa non cela solo l'identità del padre che non hanno mai avuto, ma nasconde le loro paura, parole mai dette, rabbia e rancore che si sono portate dietro per quaranta lunghi anni. Stare li dentro insieme è infatti una sofferenza che riescono a nascondere benissimo armate di arco e freccia, in una battaglia di botta e risposta senza fine. A fare da regista e mediatore tra Alessandra e Marinella è la vicina di casa di suo padre che avrà il potere, non soltanto di scatenare le peggiori reazioni delle due gemelle ma anche quello di farle riunire perché l'affetto che lega due sorelle, sopratutto gemelle, va oltre qualsiasi teoria, torto e ragione.

Fin dalle prime righe mi sono sentita parte della storia. Alessandra e Marinella per certi versi le ho sentite come due mie care amiche nei loro battibecchi divertenti e divertiti. È stato facile proiettarlo alla quotidianità di una famiglia normale e non da pubblicità. Ho iniziato a leggerlo spedita, come un treno. A pagina 72 ho messo il primo segnalibro, sapevo che una volta arrivata a pagina 137 mi sarebbe mancato, ne ero già consapevole. Sapevo che quel libro stava costruendo una lezione di vita dietro l'altra. Marcello Fois ha una capacità di riflessione sui luoghi comuni così intima e intensa che ti verrebbe voglia di chiamarlo per telefono ogni volta che senti l'esigenza di un consiglio. Stupefacente il suo immedesimarsi in due donne. Nei nostri litigi, rancori, silenzi, nelle nostre confidenze è stato capacissimo di comprendere ed essere una donna, tant'è che nella prima pagina scrive "Al femminismo carsico che c'è in me". E' stato semplice amare questo libro, si legge in un pomeriggio ma vi prego: leggetelo lentamente, perché quando l'avrete finito vi mancherà molto ragionare assieme a Marinella ed Alessandra sulla "teoria del tutto". 

Einaudi 2014, p 137



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts «Il nostro è il migliore dei mondi possibile. [...] Per quanto sia tutto così perfetto, per sopravvivere abbiamo bi… https://t.co/q9bgEEsXRo
SlidingArts RT @Elena_Bozzo: L’#ABC de #LAmicaGeniale: dalla A alla Z, tutto quello che ci ha insegnato #ElenaFerrante ➡️ https://t.co/IdrJVuW8xX #MyBr
SlidingArts #LAmicaGeniale dalla A alla Z ➡️ https://t.co/KHSAcmpYcm. Un originale alfabeto tratto dal romanzo di… https://t.co/rwiDJ1TJhw
SlidingArts RT @ModerneOdissee: Tutto pronto per la prima presentazione del libro Moderne Odissee 🌍. Oggi 3 novembre, su iniziativa della Fondazione Gi…
SlidingArts RT @ModerneOdissee: “MODERNE ODISSEE. 🌍 Viaggio consapevole tra gli irrisolti drammi e i profondi cambiamenti del nostro tempo” è il nuovo…
SlidingArts «I libri sono tutto. I libri sono la vita» Addio alla grande #IngeFeltrinelli https://t.co/fzjwhbSg0X
SlidingArts Urbani Tartufi continua a sorprendere e ad essere un grande testimonial dell’Italia in uno scenario d’eccezione: al… https://t.co/dFP4K6Fisa
SlidingArts Per noi i consigli di lettura non finiscono con l’estate. Vi raccontiamo cos’ha letto ultimamente @martasuilibri in… https://t.co/65HRzLfJFH
SlidingArts Quali libri portare in vacanza? Ecco qualche consiglio flash @martasuilibri per riempire una valigia di libri, per… https://t.co/7HrCbev5ce

 

Partner