Inizia su un aereo il racconto del regista che decide di mettersi a nudo, di raccontarci i sentimenti nei confronti della sua famiglia e della sua città natale: IstanbulSullo stesso aereo inizia anche il racconto di Anna, della sua prima volta ad Istanbul, del sogno di andare in un bagno turco, l'hamam. Di questa città ne sogna gli odori, i profumi, i colori, l'arte, la sua gente. Ed è in aereo, su quel volo, che lei e Ferzan s'incontrano per la prima volta. Per Özpetek tornare a casa questa volta è decisamente diverso. Dovrà dire addio alla sua casa d'infanzia e questo smuove in lui un turbine di ricordi. Pensa ai giochi da bambino, ai primi amori, all'assenza di suo padre per dieci lunghi anni e al suo improvviso ritorno, a sua mamma, la sua cara mamma con il suo gran talento mai sfruttato per occuparsi di loro, a sua nonna, alle sue zie, agli aquiloni. D'altronde la nostra casa, quella in cui siamo cresciuti, è sempre intrisa di ricordi, dei più piccoli, dei più cari. La vacanza di Anna sarà al contrario ricca di novità, sorprese che non avrebbe mai immaginato ma anche delusioni che non avrebbe mai desiderato (e nemmeno pensato!). Una cosa è sicura: per entrambi Istanbul porterà amore, nella gioia, nell'entusiasmo, negli attimi, nel dolore e nelle delusioni, nei colori. Nel colore. Rosso come la rivoluzione, come i garofani scarlatti, come un abito da sera, una camicia da notte in seta, uno smalto e una tuta da ginnastica. 

Parlando d'amore, ovviamente ho amato questo libro. Fin dall'inizio mi sono sempre chiesta se Anna e Özpetek si sarebbero incontrati ancora nel corso del loro soggiorno ad Istanbul, questo è stato uno dei primi input che mi ha spinto a continuare la lettura. Ho adorato il loro modo di raccontarmi una città che non ho mai visitato, spingendomi a volerla ammirare quanto prima. Ho apprezzato la delicatezza dei ricordi Özpetek bambino e ho sofferto e fatto la rivoluzione assieme ad Anna. Consigliato (issimo!)
"E quando trovi il coraggio di raccontarla, la tua storia, tutto cambia. Perché nel momento stesso in cui la vita si fa racconto, il buio si fa luce, e la luce ti indica una strada. E adesso lo sai, il posto al caldo, il posto al sud sei tu."
 
Mondadori, 2014
 
 
"Rosso Istanbul"
di Ferzan Özpetek
Mondadori
Pagine 111


 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts «Il nostro è il migliore dei mondi possibile. [...] Per quanto sia tutto così perfetto, per sopravvivere abbiamo bi… https://t.co/q9bgEEsXRo
SlidingArts RT @Elena_Bozzo: L’#ABC de #LAmicaGeniale: dalla A alla Z, tutto quello che ci ha insegnato #ElenaFerrante ➡️ https://t.co/IdrJVuW8xX #MyBr
SlidingArts #LAmicaGeniale dalla A alla Z ➡️ https://t.co/KHSAcmpYcm. Un originale alfabeto tratto dal romanzo di… https://t.co/rwiDJ1TJhw
SlidingArts «I libri sono tutto. I libri sono la vita» Addio alla grande #IngeFeltrinelli https://t.co/fzjwhbSg0X
SlidingArts Urbani Tartufi continua a sorprendere e ad essere un grande testimonial dell’Italia in uno scenario d’eccezione: al… https://t.co/dFP4K6Fisa
SlidingArts Per noi i consigli di lettura non finiscono con l’estate. Vi raccontiamo cos’ha letto ultimamente @martasuilibri in… https://t.co/65HRzLfJFH
SlidingArts Quali libri portare in vacanza? Ecco qualche consiglio flash @martasuilibri per riempire una valigia di libri, per… https://t.co/7HrCbev5ce
SlidingArts 📌🎶Per il settimo anno consecutivo Fondazione Monini presenta Musica da #CasaMenotti, 27 concerti gratuiti che si te… https://t.co/qEDaXEeYT1
SlidingArts Inizia l'estate e la #Spagna si conferma tra le mete più scelte, scopriamo insieme Siviglia, nel cuore dell'Andalus… https://t.co/5dcQ7R39Mv

 

Partner