Tre racconti, un po' inquietanti ma ipnotici, perché diciamocelo, sentir parlare di contatti con l'aldilà attraverso oggetti pressoché magici, incuriosisce. Sì esatto, proprio così. Nel primo racconto un gruppo di giovani adolescenti decidono di comprare una tavola ouija per parlare con i fantasmi, concentrandosi per lo più sui morti e i desaparecidos che in quel periodo in Argentina erano sempre di più. Ma qualcosa va storto, forse il mondo dei vivi e il mondo dei morti non dovrebbero mai avere un contatto troppo ravvicinato? Nel secondo racconto parliamo invece di Silvina, una ragazza che incontra sulla metro una donna che racconta la sua storia ai passanti. Sfigurata dal marito, cosparsa d'alcool e bruciata, è nel racconto uno dei ritratti più toccanti della violenza sulle donne. Dall'incontro con quella ragazza, Silvina si rende conto che improvvisamente gli ospedali si riempiono di donne bruciate dai loro mariti, una coincidenza assurda che nasconde in realtà la protesta di alcune donne nei confronti della loro condizione, una ribellione sottovoce. Nel terzo racconto, il più lungo del libro, conosciamo più a fondo Mechi e il suo lavoro all'archivio persone scomparse. Ipnotizzata dalle schede di tutte queste bambine e adolescenti, decide di aiutare un giornalista sulle indagini. Rovistando negli archivi viene colpita dal caso di una ragazzina coinvolta in un giro di prostituzione minorile e si affeziona al caso e al suo profilo, finché non la incontra per strada. Da quel giorno succederà qualcosa di veramente strano... oltre il normale andamento delle cose. Avrei preferito leggere dei racconti più lunghi, poiché si sono toccati degli argomenti molto attuali sulla situazione in Argentina: dai desaparecidos, alla violenza sulle donne, ai casi di bambini scomparsi fino alla prostituzione minorile. Una volta arrivata al momento clou di ogni racconto mi accorgevo che era finito. Forse troppo presto. Una scrittura semplice, l'ideale quando si affrontano temi come questi che devono arrivare agli occhi, alla mente e alle orecchie di tutti. Lettura veloce ma consigliata!



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts Quali libri portare in vacanza? Ecco qualche consiglio flash @martasuilibri per riempire una valigia di libri, per… https://t.co/7HrCbev5ce
SlidingArts 📌🎶Per il settimo anno consecutivo Fondazione Monini presenta Musica da #CasaMenotti, 27 concerti gratuiti che si te… https://t.co/qEDaXEeYT1
SlidingArts Inizia l'estate e la #Spagna si conferma tra le mete più scelte, scopriamo insieme Siviglia, nel cuore dell'Andalus… https://t.co/5dcQ7R39Mv
SlidingArts 📚🌼 La consideriamo estate ma è ancora primavera sulla carta. E quindi #primaverasuilibri2 con i consigli di… https://t.co/z9wx7Jeqdh
SlidingArts La testimonianza della nostra coraggiosa @martasuilibri su @Corriere_Salute. Forza Marta! 💪🏻➡️… https://t.co/7DugtI282y
SlidingArts 🌷📚 È primavera, sbocciano fiori e fioriscono libri. Quattro consigli libreschi su Sliding Arts #booklovershttps://t.co/msJAEoWUcB
SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v

 

Partner