Tre racconti, un po' inquietanti ma ipnotici, perché diciamocelo, sentir parlare di contatti con l'aldilà attraverso oggetti pressoché magici, incuriosisce. Sì esatto, proprio così. Nel primo racconto un gruppo di giovani adolescenti decidono di comprare una tavola ouija per parlare con i fantasmi, concentrandosi per lo più sui morti e i desaparecidos che in quel periodo in Argentina erano sempre di più. Ma qualcosa va storto, forse il mondo dei vivi e il mondo dei morti non dovrebbero mai avere un contatto troppo ravvicinato? Nel secondo racconto parliamo invece di Silvina, una ragazza che incontra sulla metro una donna che racconta la sua storia ai passanti. Sfigurata dal marito, cosparsa d'alcool e bruciata, è nel racconto uno dei ritratti più toccanti della violenza sulle donne. Dall'incontro con quella ragazza, Silvina si rende conto che improvvisamente gli ospedali si riempiono di donne bruciate dai loro mariti, una coincidenza assurda che nasconde in realtà la protesta di alcune donne nei confronti della loro condizione, una ribellione sottovoce. Nel terzo racconto, il più lungo del libro, conosciamo più a fondo Mechi e il suo lavoro all'archivio persone scomparse. Ipnotizzata dalle schede di tutte queste bambine e adolescenti, decide di aiutare un giornalista sulle indagini. Rovistando negli archivi viene colpita dal caso di una ragazzina coinvolta in un giro di prostituzione minorile e si affeziona al caso e al suo profilo, finché non la incontra per strada. Da quel giorno succederà qualcosa di veramente strano... oltre il normale andamento delle cose. Avrei preferito leggere dei racconti più lunghi, poiché si sono toccati degli argomenti molto attuali sulla situazione in Argentina: dai desaparecidos, alla violenza sulle donne, ai casi di bambini scomparsi fino alla prostituzione minorile. Una volta arrivata al momento clou di ogni racconto mi accorgevo che era finito. Forse troppo presto. Una scrittura semplice, l'ideale quando si affrontano temi come questi che devono arrivare agli occhi, alla mente e alle orecchie di tutti. Lettura veloce ma consigliata!



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri buoni propositi del 2018 è proprio... https://t.co/TE3uce5vjR
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v
SlidingArts Bottoni sardi e lucioles parigine, l’augurio di un sereno Natale da parte del team Sliding Arts ✨#slidingartshttps://t.co/ByXI00LhXg
SlidingArts RT @valentinacefalu: Mito indiscusso e icona di stile https://t.co/0ScNdpHCNr
SlidingArts «.. Poi arriva a una cena una donna con un pantalone nero da smoking e una camicia di seta bianca, un classico perf… https://t.co/am79NPaY5t
SlidingArts RT @LaFeltrinelli: I libri ci emozionano, ci fanno sognare, ci commuovono. E quante storie raccontano? Ecco il nostro regalo per voi, una s…
SlidingArts RT @SlidingArts: A corto di idee per #Natale2017? ✨ @martasuilibri, insieme a @Elena_Bozzo, vi dà 20 ottimi consigli per trovare il libro g…
SlidingArts A corto di idee per #Natale2017? ✨ @martasuilibri, insieme a @Elena_Bozzo, vi dà 20 ottimi consigli per trovare il… https://t.co/x1F59niJpr

 

Partner