Stesse origini, stessa ambizione, stessa carriera. Due destini che si incontrano. Un amore meraviglioso. Lui, la copia perfetta di Mr. Darcy, l'uomo che tutte almeno una volta abbiamo sognato e che Lei ha avuto. Lei, una carriera affermata, una vita realizzata e tanto  in comune da raccontarsi. Allora cosa c'è di strano in questa storia? L'adorabile Darcy ha una moglie e due figli, e Lei è diventata non la fidanzata ma "L'Altra". Tutte abbiamo lasciato che la nostra amica piangesse sulla nostra spalla perchè il suo fidanzato/compagno/marito si era fatto l'amante. Tutte abbiamo preso le parti della nostra amica, l'abbiamo odiata e abbiamo detto di Lei le peggio cose. Abbiamo poi analizzato a fondo la situazione e ci siamo fatte forza con la solidarietà femminile, facendo sfociare la rabbia su di Lui e solo alla fine sulla nostra parte di errori commessi in anni di relazione. Ma all'inizio, è cosi, tutte abbiamo odiato "L'Altra" e le abbiamo dato della stronza senza mezzi termini. Abbiamo però pensato che un domani sarebbe potuto capitare anche a noi? Si, dico, di diventare L'altra. Che posizione scomoda. Elvira Serra lo sa bene, nel suo romanzo ha fatto il resoconto di un anno di vita passata nei panni de "L'altra". Capitolo dopo capitolo mi sono sentita in colpa per tutte quelle volte che ho sentenziato nei confronti di un'altra donna che aveva rubato il fidanzato a me o ad un mio grande affetto. Eppure è parecchio triste la vita che fa L'Altra. Niente regali di Natale particolari o da indossare, perchè verrebbe fuori la frase "Caro, chi te l'ha regalato questo?" ; niente Natali, compleanni, vacanze, estive, ponti e lunghi weekend insieme. Niente chiamate nel cuore della notte dopo aver fatto un incubo, niente messaggi malinconici con "Ho bisogno di te". Niente. L'Altra è quella donna che ama, convinta di essere una fidanzata e non un amante. L'Altra è una donna combattiva che non può appoggiare le proprie debolezze sull'uomo che ama ma su se stessa, contando sulle proprie forze. L'Altra vive di speranze, di lunghe attese, di comprensione nei confronti di una donna che nemmeno conosce (La Moglie) e di ultimatum infiniti.

Ma alla fine L'Altra ci riesce mai ad avere il suo lieto fine? 


Mondadorim, 2014. 135 p



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts Inizia l'estate e la #Spagna si conferma tra le mete più scelte, scopriamo insieme Siviglia, nel cuore dell'Andalus… https://t.co/5dcQ7R39Mv
SlidingArts 📚🌼 La consideriamo estate ma è ancora primavera sulla carta. E quindi #primaverasuilibri2 con i consigli di… https://t.co/z9wx7Jeqdh
SlidingArts La testimonianza della nostra coraggiosa @martasuilibri su @Corriere_Salute. Forza Marta! 💪🏻➡️… https://t.co/7DugtI282y
SlidingArts 🌷📚 È primavera, sbocciano fiori e fioriscono libri. Quattro consigli libreschi su Sliding Arts #booklovershttps://t.co/msJAEoWUcB
SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v
SlidingArts Bottoni sardi e lucioles parigine, l’augurio di un sereno Natale da parte del team Sliding Arts ✨#slidingartshttps://t.co/ByXI00LhXg

 

Partner