Gioconda ha un grande amore: Leonardo. Sul serio non vi sto prendendo in giro. Potrebbe sembrare l’introduzione della storia d’amore perfetta. Uno scherzo del destino che fa incontrare due anime complementari. Purtroppo non sempre quello che sembra, è. Leonardo lascia Gioconda, con una mail che distruggerà tutto il suo mondo certo. Smarrita in questo nuovo inizio, Gio si trasferisce nella casa dei suoi nonni, simbolo di riferimento del grande amore al quale ambisce e che non smette mai di ricordarle il suo imperfetto e fallito matrimonio. Una sera rovistando nel comodino, Gio trova un biglietto scritto dalla sua defunta nonna, indirizzato niente di meno che al suo angelo custode. Presa dallo sconforto pensa che forse potrebbe essere liberatorio scrivere una lettera al suo angelo custode. Ma cosa si può scrivere al proprio angelo custode? “Ciao tu... oCaro angelo custode...” suona strano, in effetti. Sapete cos’è ancora più strano? Ricevere una risposta e una promessa: "Avrò cura di te". Inizia così lo scambio di lettere tra Filèmone, voce saccente e paterna di Massimo Gramellini (sì, io ho letto fino alla fine immaginandolo con la sua voce) e Giò (Chiara Gamberale, inconfondibile con i suoi “E?” alla fine di ogni frase.) È confortante leggere un libro come questo, sapete? Fa sentire meno soli. Fa capire quanto tutti abbiano bisogno di credere e immaginare che ci sia un angelo custode che veglia su ognuno, che aiuti ad analizzare tutti gli anni della vita senza l'obbligo di un “devi fare così” e “devi dire colà” come se dovesse essere un detentore di una verità assoluta. Semplicemente Filèmone - alias angelo custode - è una voce amica. Non fraintendetemi, questo non è un libro sugli angeli, nè tantomeno un libro sulla scoperta dell’aldilà. Questo libro parla di una donna sconfitta, melodrammatica e un tantino egocentrica che ha smarrito la strada verso casa. Parla delle sue contrarietà e controversie, delle sue storie e di tutti i personaggi che ne fanno parte e che anche Filèmone dovrà prendere con sé (ma non sotto la sua ala) come se fossero tutti parte della sua vita come di quella di Gioconda. È una storia d’amore diversa, racchiusa in uno scambio “angelico” di lettere. Divertente, sorprendente “E?”... Amabile, con un finale altrettanto singolare. Leggetelo, con il cuore non con la testa. 
 
Longanesi, 2014. P,250 


 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts Non è una moda, non è la moda, è un’eredità destinata a durare per sempre ✨➡️https://t.co/MmIpOMLs8lhttps://t.co/NSlanyMCoS
SlidingArts RT @martasuilibri: Oggi è il gran giorno! Io nel frattempo lo rileggo. 📖 ✨🌌 #OurSoulsAtNight #LeNostreAnimeDiNotte https://t.co/S1kyY8d3jJ
SlidingArts RT @martasuilibri: La meraviglia @UtetLibri 📚due libri da avere, assolutamente https://t.co/iwlD3zxEU5
SlidingArts La mostra di #MariagiuliaColace all'interno del festival di scrittrici #inQuiete a Roma presso la Libreria Tuba ➡️… https://t.co/iMLUtuvqVs
SlidingArts RT @martasuilibri: Finisco #LucyBarton per immergermi subito in #Tuttoèpossibile perché la parola chiave (e vincente) è sempre una: la semp…
SlidingArts Leone d'oro alla carriera per Robert #Redford e Jane #Fonda che presentano #LeNostreAnimeDiNotte a #Venezia74 ➡️… https://t.co/dSMK3WBqPp
SlidingArts Dedicato alla moglie Emma, #Belgravia è il nuovo romanzo di Julian #Fellowes ambientato nella Londra del 1840 ➡️… https://t.co/RXov8XzaC1
SlidingArts Il concerto "Le Rondini e la Nina" nella cornice de l'#Agnata, omaggio di Gaetano Curreri e Paolo Fresu a Dalla e D… https://t.co/4jKyJGfZEq

 

Partner