Giacomo fa il poeta semiprofessionista, gira l’Italia per leggere e far conoscere la sua arte. È goffo, barbuto, panciuto, porta grandi occhiali e quasi sempre una sciarpa extra large che non soltanto protegge dal gelo torinese ma che gli permette di parlare da solo (o con Tonio Cartonio, a seconda dei momenti). Ci racconta una vita comune, fatta di pizze surgelate, appartamenti troppo piccoli e serie tv che t’impediscono di uscire di casa. E di lavori fatti per sopravvivere, tra cui scrivere di sessuologia su una rubrica online, La Posta del Colon, in cui dispensa consigli per risolvere e risollevare l’animo dei cari lettori, citando con ironia i suoi momenti da amante imperfetto. Giacomo si mostra così com’è, senza maschere, affascinante nella sua goffaggine mi ricorda un po’ Pippo della Disney e un po’ qualcuno che forse esiste, forse no e che quasi tutte abbiamo amato. Il mondo è pieno di questi poetimaledetti” che ti rubano il cuore senza saper gestire l’amore. Sul volo che da Torino lo porta a Palermo fa amicizia con un’aracnologa di una bellezza notevole, Agata. Un incontro quasi cinematografico e simpaticamente pieno di fantasia in cui Giacomo l’immagina già moglie e madre dei loro nove figli. Tra incertezze e figuracce riesce a ritrovarla a Torino e con altrettanti tentennamenti riesci a chiederle un appuntamento. Non meno difficile sarà la scelta del momento del primo bacio, della prima cena, della prima volta. In Giacomo e Agata ci possiamo immedesimare tutti. È talmente fragile l’inizio di una storia che si cerca di fare qualsiasi passo con cura per poi lasciarsi andare. Ma è l’amore il vero protagonista e Guido Catalano ce lo fa vedere come tutti dovremmo guardarlo, una commedia romantica fatta di botta e risposta risoluti e ironici, di scivoloni, sbagli, corse di in bicicletta e sogni ad occhi aperti. Leggetelo per ridere e sognare, soprattutto per ridere!

Rizzoli 2016. p,393



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts 🌷📚 È primavera, sbocciano fiori e fioriscono libri. Quattro consigli libreschi su Sliding Arts #booklovershttps://t.co/msJAEoWUcB
SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v
SlidingArts Bottoni sardi e lucioles parigine, l’augurio di un sereno Natale da parte del team Sliding Arts ✨#slidingartshttps://t.co/ByXI00LhXg
SlidingArts RT @valentinacefalu: Mito indiscusso e icona di stile https://t.co/0ScNdpHCNr
SlidingArts «.. Poi arriva a una cena una donna con un pantalone nero da smoking e una camicia di seta bianca, un classico perf… https://t.co/am79NPaY5t
SlidingArts RT @LaFeltrinelli: I libri ci emozionano, ci fanno sognare, ci commuovono. E quante storie raccontano? Ecco il nostro regalo per voi, una s…

 

Partner