Alessio ha una strana filosofia di vita. La chiama il “dolceamaro contentarsi”. Si tratta di vivere la vita senza aspettative, senza colpi di scena sensazionali, sorprese che vengono fuori dal cilindro, lasciando quindi scorrere la vita e prendendo solo quel "poco" che può darci. (poco?) Adottare questa filosofia significa anche scegliere di vivere senza amore. Ma come nelle migliori delle trame, questa teoria viene smentita dall’arrivo di una ragazza che, vista con obiettività, non ha nulla di che, se non la passione per il Jazz. Eppure ruba letteralmente anima e cuore di Alessio. Con Martina, Alessio vivrà una bellissima storia fatta di sesso perfetto, bella musica, cibo take away, passeggiate tra le vie di Milano, risate incontrollate. Con Martina capisce quanto ci si senta mortali ad essere innamorati, uno stato e un’idea ben lontana dalla filosofia del “dolceamaro contentarsi”. “E come tutte le più belle cose” anche questa storia finisce, lasciando Alessio nello sconforto più totale. Non una tristezza normale, non quella tristezza che tutti sentiamo quando finisce un amore. Per Alessio, si è trattato di vivere nuova esistenza, fatta di xanax ingerito in quantità spropositate e alcool a tutte le ore del giorno e della notte. Solitudine, qualche viaggio e nessuna salvezza. Diventa scorbutico e allontana tutte le persone che vogliono aiutarlo. Lo racconta un giorno ad uno suo vecchio amico, partendo dalla nascita del suo grande amore per Martina, che forse così grande non era, fino alla fine della sua “vita vissuta”. 

È stato davvero difficile finire di leggere “Un solo paradiso” senza una lacrima. Sarà colpa di quel difetto meraviglioso chiamato “Empatia”. Ora questo libro è entrato nel mio cuore e nei libri più belli che abbia letto ultimamente. Lo metterò accanto a Libero Marsell di “Atti osceni in luogo privato” e Torū di “Norwegian Wood”, personaggi che avranno tanto da dirsi con Alessio. Ne sono sicura. Leggetelo con calma, ritagliatevi i tempi giusti e non finitelo con foga. Questo libro ha bisogno del suo tempo, non aspettatevi un colpo di scena. Sappiate solo essere comprensivi, amichevoli, silenziosi ascoltatori e lettori. Non giudicate quello che l’amore può fare e nemmeno sottovalutatelo.

Sellerio 2016, p. 194



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts 📌🎶Per il settimo anno consecutivo Fondazione Monini presenta Musica da #CasaMenotti, 27 concerti gratuiti che si te… https://t.co/qEDaXEeYT1
SlidingArts Inizia l'estate e la #Spagna si conferma tra le mete più scelte, scopriamo insieme Siviglia, nel cuore dell'Andalus… https://t.co/5dcQ7R39Mv
SlidingArts 📚🌼 La consideriamo estate ma è ancora primavera sulla carta. E quindi #primaverasuilibri2 con i consigli di… https://t.co/z9wx7Jeqdh
SlidingArts La testimonianza della nostra coraggiosa @martasuilibri su @Corriere_Salute. Forza Marta! 💪🏻➡️… https://t.co/7DugtI282y
SlidingArts 🌷📚 È primavera, sbocciano fiori e fioriscono libri. Quattro consigli libreschi su Sliding Arts #booklovershttps://t.co/msJAEoWUcB
SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v

 

Partner