La vicenda ha inizio alternando la presentazione di due personaggi: Irene è la figlia di papà, proprietaria della fabbrica di famiglia, sta attraversando un periodo turbolento. Ha appena divorziato ed è alle prese con una nuova vita (o semplicemente alle perse con la vita); Javier faceva il professore di letteratura, ha appena perso il lavoro. La sua vita è fatta di poca ambizione, molti libri (poca realtà) e poco divertimento. Non ha famiglia e la disoccupazione lo porta a trascurare l’unico rapporto che ha, quello con la sua compagna Sandra. In comune questi due personaggi hanno un sentimento talmente forte che è capace di distruggere la vita di un individuo: l’insoddisfazione. Irene e Javier dopo tutte queste delusioni hanno un solo desiderio: rinascere. Come? Nella loro monotona vita entrano a far parte, rispettivamente, Genoveva, eccentrica divorziata che ha saputo come sfruttare la sua condizione lasciandosi alle spalle l’ambiente altolocato che ha in comune con Irene; e Ivàn giovane scapestrato con un sacco di interessanti segreti. Col Prof. non ha nulla a che vedere, in comune hanno esclusivamente il rapporto delle loro nonne che quasi fa da collante per la loro nuova amicizia. Saranno proprio Genoveva e Ivàn ad introdurli ad una nuova esistenza, spingendoli oltre i loro limiti, provando e sperimentando cose che poco hanno a che fare con ciò che erano. Una vita di vizi, lussuria, sregolatezza e denaro che metterà a dura a prova i loro principi e tutto quello che, per anni, hanno costruito. Finiranno persino per intrecciare persino il loro percorso, regalandoci inaspettati colpi di scena.

Uomini Nudi, non solo per rivelare la capacità di svestirsi che hanno i personaggi, ma soprattutto per il modo di mettersi a nudo, spogliandosi dei propri sentimenti, rivelando ogni debolezza. 

Alicia Giménez-Bartlett è stata una scoperta per me. Una piacevolissima scoperta. Mi ha incollata al libro dalla prima riga, catturandomi con della sottile ironia e una scrittura davvero magistrale. Ha saputo cogliere degli spaccati della società moderna, rivelandoli senza paura ne pudore. Un linguaggio lineare, scorrevole. Una lettura per niente noiosa, scandita da continui colpi di scena e ribaltamenti di vicenda. Con un finale che… volete sapere troppo, sappiate solo che lascia di stucco!

 



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri buoni propositi del 2018 è proprio... https://t.co/TE3uce5vjR
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v
SlidingArts Bottoni sardi e lucioles parigine, l’augurio di un sereno Natale da parte del team Sliding Arts ✨#slidingartshttps://t.co/ByXI00LhXg
SlidingArts RT @valentinacefalu: Mito indiscusso e icona di stile https://t.co/0ScNdpHCNr
SlidingArts «.. Poi arriva a una cena una donna con un pantalone nero da smoking e una camicia di seta bianca, un classico perf… https://t.co/am79NPaY5t
SlidingArts RT @LaFeltrinelli: I libri ci emozionano, ci fanno sognare, ci commuovono. E quante storie raccontano? Ecco il nostro regalo per voi, una s…
SlidingArts RT @SlidingArts: A corto di idee per #Natale2017? ✨ @martasuilibri, insieme a @Elena_Bozzo, vi dà 20 ottimi consigli per trovare il libro g…
SlidingArts A corto di idee per #Natale2017? ✨ @martasuilibri, insieme a @Elena_Bozzo, vi dà 20 ottimi consigli per trovare il… https://t.co/x1F59niJpr

 

Partner