Ho letto Le nostre anime di notte e in molti mi hanno domandato e continuano a chiedermi di cosa parli questo libro. Leggere Kent Haruf per poi raccontarlo e consigliarlo, non è un affare semplice. Possiamo dire che l'insegnamento di Haruf è quello di farci riflettere sul fatto che perdiamo la maggior parte del nostro tempo alla ricerca dell’impossibile, quando quello di cui avremmo veramente bisogno è accorgerci delle piccole cose. Parliamo di quei dettagli che fanno la differenza nel nostro quotidiano: il profumo del caffè la mattina, qualcuno che ci prepari il pranzo dopo una faticosa mattinata di lavoro, ascoltare il rumore della pioggia sotto le coperte, ammirare lo spettacolo delle stelle nel cielo durante il campeggio, comprare un cane a un bambino per aiutarlo a scoprire la tenerezza, aiutare un’anziana a fare la spesa, tenere per mano qualcuno prima di dormire per potersi sentire sicuri. Capire l’importanza di avere qualcuno vicino, qualcuno su cui contare. Qualcuno che non solo smetta di farci sentire soli ma che ci faccia sentire vivi. È quello che è successo a Louis Waters e Addie Moore, due vedovi settantenni di Holt che decidono di trascorrere insieme il loro tempo. Ho immaginato la protagonista Addie mentre si domandava cosa mancasse nella sua vita, passando in rassegna vari momenti felici e non, prima di telefonare al suo vicino Louis e dirgli “mi chiedevo se qualche volte ti andrebbe di venire a dormire da me. [...] Sto parlando di attraversare la notte insieme. E di starsene al caldo nel letto, come buoni amici. [...] Le notti sono la cosa peggiore, non trovi?” È così iniziano le loro notti insieme, fatte di confidenze, racconti di vita e tenerezze.


Sappiamo tutti che questo libro è stato definitivo “urgente”, in termini di tempo, un tempo tiranno che non ritorna e
che va sfruttato fino all’ultimo minuto. L’ha sfruttato Haruf nel poco tempo rimastogli e così hanno fatto anche Addie e Louis. Ma è anche il libro del coraggio e di una donna coraggiosa, Addie per l’appunto, che a 70 anni decide che non è troppo tardi per sentirsi soli. “Chi si sarebbe aspettato che a questo punto delle nostre vite potesse capitare una cosa del genere. Chi l’avrebbe mai detto? Per noi le novità e le emozioni non sono ancora finite. Non siamo diventati aridi nel corpo e nello spirito.”

Tutto questo e molto altro, ossia la vita, la trovate in tutti i libri di Kent Haruf, soprattutto ne Le nostre anime di notte. E badate, raccontare la semplicità, come l’ha fatto lui, non è per tutti anche se riguarda tutti. Grazie Haruf, tornare a Holt è stato magnifico. 

 

NN Editore, 2017. p. 166



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts 🌷📚 È primavera, sbocciano fiori e fioriscono libri. Quattro consigli libreschi su Sliding Arts #booklovershttps://t.co/msJAEoWUcB
SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v
SlidingArts Bottoni sardi e lucioles parigine, l’augurio di un sereno Natale da parte del team Sliding Arts ✨#slidingartshttps://t.co/ByXI00LhXg
SlidingArts RT @valentinacefalu: Mito indiscusso e icona di stile https://t.co/0ScNdpHCNr
SlidingArts «.. Poi arriva a una cena una donna con un pantalone nero da smoking e una camicia di seta bianca, un classico perf… https://t.co/am79NPaY5t
SlidingArts RT @LaFeltrinelli: I libri ci emozionano, ci fanno sognare, ci commuovono. E quante storie raccontano? Ecco il nostro regalo per voi, una s…

 

Partner