Uno dei capitoli più bui della storia americana è la segregazione, la lotta per la parità di diritti degli americani di colore. Gordon Parks, fotografo di Life, definito “uomo del Rinascimento”, nasce come reporter di moda, ambiente che non ha amato ma ha sempre ritenuto una grande palestra. Nel corso della sua lunga carriera si dedicherà principalmente a ritrarre grandi personaggi del suo tempo e scene di vita quotidiana in quelle famiglie di neri come lui, lacerate dall’odio razziale. L’artista ha scattato numerose fotografie di questo triste passato: emblematiche sono quelle dei  luoghi pubblici con la divisione in settori per clienti bianchi e di colore, mentre in una delle più toccanti ritrae alcune bambine in un parco che osservano da lontano, al di la della rete, le coetanee bianche che giocavano in un’area a cui loro non potevano accedere. Gordon Parks con sensibilità e professionalità conquistava la fiducia della gente, entrava nelle case e riprendeva momenti privati, era l’unico che poteva persino andare per le strade tra le gang dei quartieri poveri, immortalò Malcom X, Muhammed Alì, Martin Luther King e ricevette la fiducia anche di una certa Ingrid Bergman per uno dei suoi servizi più esclusivi. L’attrice era in Sicilia con Roberto Rossellini, perseguitata dalle pesanti critiche per la sua relazione, chiamò il fotografo chiedendogli di scattare alcune istantanee delle sue giornate. Scelse Gordon Parks per la sua nota umanità nel trattare ogni personaggio che si prestava al suo obiettivo. Alcuni protagonisti dei suoi reportage per Life hanno trovato spazio in prima pagina, sono diventati veri e propri “casi” e, grazie alla visibilità ottenuta, diverse famiglie che vivevano ai limiti della povertà, vittime di disgrazie e malattie, sono state aiutate. La curatrice della mostra Alessandra Mauro, durante l’anteprima ci ha guidato per le sale di Palazzo Incontro, raccontadoci le piccoli grandi storie che si nascondevano dietro ogni reportage, con la passione e l’orgoglio di aver potuto realizzare una mostra su un artista forse poco conosciuto in Italia, ma che meritava tutta la nostra attenzione.



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri buoni propositi del 2018 è proprio... https://t.co/TE3uce5vjR
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v
SlidingArts Bottoni sardi e lucioles parigine, l’augurio di un sereno Natale da parte del team Sliding Arts ✨#slidingartshttps://t.co/ByXI00LhXg
SlidingArts RT @valentinacefalu: Mito indiscusso e icona di stile https://t.co/0ScNdpHCNr
SlidingArts «.. Poi arriva a una cena una donna con un pantalone nero da smoking e una camicia di seta bianca, un classico perf… https://t.co/am79NPaY5t
SlidingArts RT @LaFeltrinelli: I libri ci emozionano, ci fanno sognare, ci commuovono. E quante storie raccontano? Ecco il nostro regalo per voi, una s…
SlidingArts RT @SlidingArts: A corto di idee per #Natale2017? ✨ @martasuilibri, insieme a @Elena_Bozzo, vi dà 20 ottimi consigli per trovare il libro g…
SlidingArts A corto di idee per #Natale2017? ✨ @martasuilibri, insieme a @Elena_Bozzo, vi dà 20 ottimi consigli per trovare il… https://t.co/x1F59niJpr

 

Partner