Il moderno spazio espositivo del Museo dell’Ara Pacis dal 7 febbraio al 3 giugno 2018 farà da cornice alla mostra fotografica “Magnum Manifesto”. Promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, Contrasto e Magnum Photos 70 e organizzata in collaborazione con Zètema Progetto Cultura, l’esposizione celebra il settantesimo anniversario della più grande agenzia foto giornalistica del mondo, Magnum Photos, fondata da esponenti di spicco della fotografia: Robert Capa, Henri Cartier-Bresson, George Rodger e David Seymour nell’aprile del 1947. I fotoreporter Magnum ci hanno lasciato le testimonianze dei loro sguardi ravvicinati su scenari di guerre e scontri sociali, immortalando persone comuni e i grandi della terra: dai “ritratti di famiglia” di Elliott Erwitt alla serie di Paul Fusco sul "Funeral train", il treno che trasportò la salma di Robert Kennedy verso il cimitero di Arlington, fino ai drammi attuali del Sud America (documentato da Jérôme Sessini) ed il Mar Mediterraneo dei migranti, fotografato da Paolo Pellegrin. Il percorso espositivo è suddiviso in tre sezioni: la prima scruta l’archivio di Magnum attraverso una lente umanista e si concentra sugli ideali di libertà, uguaglianza, partecipazione e universalismo che emersero dopo la seconda guerra mondiale; la seconda mostra la frammentazione del mondo tra gli anni Settanta e Novanta del Novecento, con uno sguardo particolare rivolto alle  minoranze e agli esclusi; la terza, infine, segue le diverse forme espressive grazie alle quali  i fotografi Magnum hanno colto i mutamenti del mondo e i pericoli che lo minacciano. La mostra presenta anche proiezioni, copertine di riviste, articoli di giornali, libri realizzati nel corso del tempo, mostrando il contesto originale in cui molte delle fotografie sono state concepite.

 

Magnum è un’organizzazione tenuta insieme da un’intangibile colla di sogni e speranze.Wayne Miller

 

FOTO ARTICOLO: Christopher Anderson: Ciliegie cadute su un passaggio pedonale. New York, USA, 2014. © Christopher Anderson/Magnum Photos/Contrasto



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v
SlidingArts Bottoni sardi e lucioles parigine, l’augurio di un sereno Natale da parte del team Sliding Arts ✨#slidingartshttps://t.co/ByXI00LhXg
SlidingArts RT @valentinacefalu: Mito indiscusso e icona di stile https://t.co/0ScNdpHCNr
SlidingArts «.. Poi arriva a una cena una donna con un pantalone nero da smoking e una camicia di seta bianca, un classico perf… https://t.co/am79NPaY5t
SlidingArts RT @LaFeltrinelli: I libri ci emozionano, ci fanno sognare, ci commuovono. E quante storie raccontano? Ecco il nostro regalo per voi, una s…
SlidingArts RT @SlidingArts: A corto di idee per #Natale2017? ✨ @martasuilibri, insieme a @Elena_Bozzo, vi dà 20 ottimi consigli per trovare il libro g…

 

Partner