Presentata a Milano la collezione Primavera/Estate 2014 di Francesca Piccini. Protagonista la rosa, simbolo del marchio, filosofia di come la stilista vede la donna. "La sensualità e la bellezza del fiore insieme alla forza delle spine". Questa è la donna di Francesca Piccini, una giovanissima classe 1990, fresca del Polimoda di Firenze che ieri ha presentato la sua collezione nella suggestiva cornice dell'Hotel Principe di Savoia a Milano. Ma come è stato scoperto il suo talento ce lo spiega Stefano Ricci, proprietario di uno dei brand dell'alta sartoria made in Italy, che esordisce con un "Forse stasera Milano è più bella di Firenze". Racconta della sua grande simpatia e stima per Francesca, conosciuta quando usciva dalla scuola di moda fiorentina, sempre molto determinata con molto buon gusto. Le chiede: "Ti andrebbe di creare per le mogli e le amiche dei miei clienti?" E così succede. Stefano Ricci descrive Francesca Piccini come una ragazza normale che vuole esprimere se stessa e lo fa attraverso gli abiti. "E' la voglia di realizzare un sogno: e, si sa, sacrifici e sogni vanno a braccetto". Il Cavalier Boselli, Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana, ricorda invece quando ha conosciuto Francesca Piccini, ai tempi in cui era una semplice stagista proprio alla Camera Moda. Un trampolino di lancio per permetterle di presentare quella che è già la sua seconda collezione, in mostra nel suo showroom in Galleria del Corso 2 a Milano dal 1 al 31 Luglio e dal 1 al 30 Settembre.

INTERVISTA A FRANCESCA PICCINI:

D. Le tue collezioni vantano una produzione artigiana, sono realizzate interamente in Italia con tessuti e filati di prima scelta. In questo momento difficile, in quali Paesi sono più apprezzati i tuoi capi?

R. Sicuramente in Russia e nel Caucaso, i mercati che più apprezzano la ricercatezza e l'eleganza del Made in Italy. Sono estremamente attenta ai particolari, dalle semplici zip ai bottoni in madreperla, alle fodere in seta la cui stampa principale al loro interno è la rosa, simbolo del marchio e del mio modo di vedere la donna.

D. Sei milanese di nascita, poi la scelta di studiare al Polimoda di Firenze. Come è nata la decisione di portare i tuoi capi su una passerella e in una cornice importante come quella dell'Hotel Principe di Savoia?

R. Io in realtà sono nata come donnina di marketing. Ma il Polimoda è un universo unico, c'è un rapporto umano impressionante con i professori ed è una scuola valida e formativa, che consiglio a tutti.

PHOTOGALLERYhttps://www.facebook.com/media/set/?set=a.502034846541898.1073741846.456456391099744&type=3



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts Con "Valigia Diplomatica" Antonio Morabito racconta la sua carriera diplomatica: un lungo percorso fatto di... https://t.co/KKsiaE58pv
SlidingArts Nasceva oggi... Sliding Arts! Nel giorno del nostro quarto compleanno ricordiamo quello di una persona molto... https://t.co/isJgxgHZhX
SlidingArts RT @SalonedelLibro: «Il lavoro non mi piace, ma mi piace quello che c’è nel lavoro: la possibilità di trovare se stessi» #JosephConrad #P
SlidingArts RT @sellerioeditore: #Unavitacometante un libro che si divora ad una velocità tale che 1104 pagine non sembrano abbastanza @SlidingArts ht…
SlidingArts RT @martasuilibri: Quando gli scrittori interagiscono coi lettori #ètuttomoltobello 📚❤️ https://t.co/SilB7FwY3M
SlidingArts Grazie a #HanyaYanagihara che ha scritto un libro magnifico.Lo consiglia @martasuilibri su #BookLovers 📚➡️… https://t.co/zjJKbjKgTt
SlidingArts #LaBellaELaBestia: personaggi e aspettative del nuovo live-action con #EmmaWatson firmato #Disney ➡️… https://t.co/jfh3BCHdvj
SlidingArts Appuntamento il 3 aprile al Petruzzelli di Bari per il concerto della Young Talents Orchestra EY a sostegno di Avsi… https://t.co/kxRHeHXob5
SlidingArts #UominiNudi di #AliciaGimenezBartlett è stata una lettura per niente noiosa. @martasuilibri 📚 vi spiega perché su… https://t.co/BR8ZnHgR82

 

Partner