O meglio. Batman spiegato a chi, come me, non ha mai visto un film di Batman. All’inizio del film sono passati 8 anni (della serie: sì, anche se sei sveglio e attento quando comincia, ti sei già perso tanto) e quindi vi consiglio, se non avete già visto i due film precedenti, di leggere almeno i riassunti. O se no il sunto ve lo faccio io ora. Batman è stato addestrato dal maestro Ra’s al Ghul (pronunciato maliziosamente Rasa’l Cul) e poi lo ha ammazzato perché guidava una setta di pazzi. Ha qualche problema con le figure autoritarie? Liam gli ha messo una nota sul registro e Bat ha reagito male? Non lo dicono (Non ti sei visto il primo e il secondo... mica pretenderai di capire tutto?). Per fortuna non è rilevante. Sappiate solo che il nostro eroe mascherato si ritroverà a dover lottare contro il nuovo capo della setta. Altra informazione rilevante: la sua donna, Rachel, è morta e lui è molto depresso, anche per il fatto che è morto pure il suo amico Harvey Dent (cosa che a ripensarci forse non lo deprime tanto, visto che Dent se la faceva con Rachel). Ma più che la morte di quella poverina, è importante sapere qualcosa in più su quella del caro Dent. In breve: è impazzito, ha fatto una strage e poi è precipitato da un palazzo. E cosa ti va a pensare Bat? Si prende le colpe del suo amico per non farlo sfigurare davanti agli occhi di tutti i cittadini di Gotham. Un scelta che si rivela non così azzeccata visto che invece di prendersela col morto se la prendono con lui, tanto che da fargli appendere il mantello al chiodo per 8 anni. Ed ecco che finalmente inizia il film. Batman gira per casa in vestaglia da mesi ma una bella ladra dalle gambe lunghe gli frega uno dei gioielli di famiglia (una collana della madre, non pensate a crimini a sfondo sessuale) e lui, intrigato dalla signorina, si ringalluzzisce, scende nella Batcaverna e riprende in mano la sua carriera di supereroe per fare lo splendido con lei. Ah, dimenticavo. Lo fa anche per fermare un pazzo che non respira bene e che vuole distruggere tutto con una bella esplosione. So che pensate. No, non è Darth Vader, questo qui è pelato. Ed è anche molto molto più cattivo. Se infatti il tormentato Batman annoia anche un po’, a impadronirsi della scena ci pensa proprio Bane, un Tom Hardy che risplende della luce riflessa di una buona sceneggiatura. Anche perché con una maschera in faccia e la voce modificata, le sue doti di attore non vengono proprio messe in luce. Ma comunque uccide senza pietà, sbraita e urla e finisce per rubare gli applausi al protagonista. Macho crudele 1 – Batman 0. Stessa vittoria schiacciante la guadagna la Catwoman della Hathaway, sexy ed elegantissima in total black, contro la noiosa e infagottata Miranda della Cotillard, che per fortuna nelle scene finali si riscatta ricordandoci perché le abbiano dato l’Oscar. Brava, non c’è che dire, ma troppo tardi, ormai i tacchi a spillo assassini di Selina ci hanno già conquistati. Tanti gli attori famosi (tra tutti Micheal Caine, che al suo 120esimo ciak brilla sempre della luce del grande attore, oltre che del gentleman) quanto quelli non famosi, rubati a successi televisivi quali “Giudice Amy”, “Grey’s Anatomy” e, attenzione, anche a “Uccelli di Rovo”. In generale, queste 2 ore e mezza di azione scorrono veloci, tra scazzottate e combattimenti aerei, carri armati ed elicotteri hi-tech e perfino un momento alla Rocky-sale-le-scale (qui Batman scala una parete rocciosa ma di fatto il messaggio è sempre lo stesso: “sono proprio un protagonista figo...”). Interessante, se lo volete leggere tra le righe, il nesso che corre tra i buoni e i capitalisti e i cattivi e i comunisti, magari un po’ anacronistico ma forse lo zio Sam (o semplicemente lo sceneggiatore) è rimasto agli anni della guerra fredda. Il film comunque non delude le aspettative degli affezionati: tutti i nodi vengono al pettine e negli ultimi 10 minuti lo spettatore è tenuto in allerta da ben 3 colpi di scena, uno dietro l’altro. La saga termina (e un film che oggi non ci lascia con il finale aperto è già tanto) e termina anche in un modo squisitamente prevedibile. Riuscirà Batman a salvare Gotham, distruggere i cattivi ed evitare che la bomba gli esploda in faccia? Secondo voi?



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts RT @RussoRainaldi: For #WorldOperaDay a #MajorThrowback The very first #Opera I have worked on, the 2014 @festival_aix production of #Ariod
SlidingArts «Il nostro è il migliore dei mondi possibile. [...] Per quanto sia tutto così perfetto, per sopravvivere abbiamo bi… https://t.co/q9bgEEsXRo
SlidingArts RT @Elena_Bozzo: L’#ABC de #LAmicaGeniale: dalla A alla Z, tutto quello che ci ha insegnato #ElenaFerrante ➡️ https://t.co/IdrJVuW8xX #MyBr
SlidingArts #LAmicaGeniale dalla A alla Z ➡️ https://t.co/KHSAcmpYcm. Un originale alfabeto tratto dal romanzo di… https://t.co/rwiDJ1TJhw
SlidingArts «I libri sono tutto. I libri sono la vita» Addio alla grande #IngeFeltrinelli https://t.co/fzjwhbSg0X
SlidingArts Urbani Tartufi continua a sorprendere e ad essere un grande testimonial dell’Italia in uno scenario d’eccezione: al… https://t.co/dFP4K6Fisa
SlidingArts Per noi i consigli di lettura non finiscono con l’estate. Vi raccontiamo cos’ha letto ultimamente @martasuilibri in… https://t.co/65HRzLfJFH
SlidingArts Quali libri portare in vacanza? Ecco qualche consiglio flash @martasuilibri per riempire una valigia di libri, per… https://t.co/7HrCbev5ce
SlidingArts 📌🎶Per il settimo anno consecutivo Fondazione Monini presenta Musica da #CasaMenotti, 27 concerti gratuiti che si te… https://t.co/qEDaXEeYT1

 

Partner