È da un po’ di tempo che le commedie romantiche made in Hollywood si stanno avvicinando a una dimensione più realistica e disincantata dell’amore, perchè in fondo a quel sentimentalismo tutto zucchero dei vecchi tempi non crede più nessuno. Peccato che però ci siano anche altri film, come questo, che affrontano il tema del “sì, lo voglio” con i piedi per terra e tanto, troppo sarcasmo, senza lasciare al pubblico neanche un briciolo di quell’atmosfera che scioglie i cuori e inumidisce gli occhi. "The Big Wedding" ci racconta la storia di Alejandro, adottato da una coppia divorziata e prossimo alle nozze con Melissa. La madre naturale dello sposo sta arrivando direttamente dalla Colombia per assistere al matrimonio e così, per assicurarsi che la cattolicissima ospite – che per giunta si chiama Madonna – se ne ritorni in patria felice e contenta, i genitori adottivi di Alejandro dovranno fingere di stare ancora insieme per tutto il weekend. Ma tra segreti svelati, rancori, incomprensioni e colpi di scena il loro compito non sarà così facile. La sceneggiatura di Justin Zackham, che cura anche la regia, zoppica non poco. Senza approfondire l’animo dei suoi personaggi, lo script li pone davanti a scelte incomprensibili, rendendoli privi di spessore e carattere, eccessivamente volubili e niente affatto memorabili. Un vero peccato visto che sono interpretati da un cast stellare che comprende un meraviglioso De Niro, Susan Sarandon, Diane Keaton e ancora Amanda Seyfried – che annovera nel suo CV l’ennesimo ruolo della fresca sposina – e Katherine Heigl – che con i suoi ruoli da donna vissuta e orgogogliosa ha pure un po’ stufato –. Particina anche per Robin Williams, che, mi duole dirlo, interpreta il ruolo più insignificante e meno divertente del film. Una delle scene conclusive del film, non me ne vogliate se ve la anticipo, è l’immancabile carrellata di coppie che ballano durante il ricevimento di nozze. Ecco, questa è la sola e unica scena in cui si respira un’atmosfera serena – attenzione, neanche felice, serena – . E questo perché la geniale (?) trovata di Zackham è stata sostituire il romanticismo con il cinismo, contaminando ogni momento positivo e potenzialmente melenso del film – come la proposta di matrimonio, la cerimonia, la prima volta, l’ arrivo tanto atteso di un bambino – con un misto di battute ironiche e riflessioni amare che manda in crisi l’intero meccanismo della commedia romantica. Gli spettatori di questo genere, seppure siano in grado di apprezzare un taglio più realistico e qualche cliché in meno, non vanno certo al cinema per sentirsi raccontare di coppie sull’orlo della crisi, sogni infranti e infedeltà. Lasciate pure questi argomenti al genere drammatico, eh su! Alcuni film vengono visti per sognare, per vivere almeno sullo schermo il lieto fine, per credere nei buoni sentimenti e avere la speranza di trovare un amore passionale e duraturo. Viviamo costantemente sotto l’influenza del cinismo, in una vita che ci pone di fronte a delusioni, problemi sentimentali e separazioni e ci spinge ad affrontarli con una corazza sempre più spessa. Vi prego, almeno quando si tratta di matrimoni e romanticismo, lasciateci sognare.



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts RT @RussoRainaldi: For #WorldOperaDay a #MajorThrowback The very first #Opera I have worked on, the 2014 @festival_aix production of #Ariod
SlidingArts «Il nostro è il migliore dei mondi possibile. [...] Per quanto sia tutto così perfetto, per sopravvivere abbiamo bi… https://t.co/q9bgEEsXRo
SlidingArts RT @Elena_Bozzo: L’#ABC de #LAmicaGeniale: dalla A alla Z, tutto quello che ci ha insegnato #ElenaFerrante ➡️ https://t.co/IdrJVuW8xX #MyBr
SlidingArts #LAmicaGeniale dalla A alla Z ➡️ https://t.co/KHSAcmpYcm. Un originale alfabeto tratto dal romanzo di… https://t.co/rwiDJ1TJhw
SlidingArts «I libri sono tutto. I libri sono la vita» Addio alla grande #IngeFeltrinelli https://t.co/fzjwhbSg0X
SlidingArts Urbani Tartufi continua a sorprendere e ad essere un grande testimonial dell’Italia in uno scenario d’eccezione: al… https://t.co/dFP4K6Fisa
SlidingArts Per noi i consigli di lettura non finiscono con l’estate. Vi raccontiamo cos’ha letto ultimamente @martasuilibri in… https://t.co/65HRzLfJFH
SlidingArts Quali libri portare in vacanza? Ecco qualche consiglio flash @martasuilibri per riempire una valigia di libri, per… https://t.co/7HrCbev5ce
SlidingArts 📌🎶Per il settimo anno consecutivo Fondazione Monini presenta Musica da #CasaMenotti, 27 concerti gratuiti che si te… https://t.co/qEDaXEeYT1

 

Partner