"L'ultima ruota del carro" di Giovanni Veronesi apre l'ottava edizione del Festival del Film di Roma. Il film fuori concorso porta una ventata di freschezza in sala. Ernesto (Elio Germano), cresce con un padre burbero che lo fa sentire "l'ultima ruota del carro". Come un Forrest Gump de' noantri, una volta cresciuto diventa un eroe semplice, testimone spesso inconsapevole della storia italiana degli ultimi 40 anni: dalle Brigate Rosse a Berlusconi, passando per i mondiali dell'82 e Tangentopoli - tutti eventi che in qualche modo hanno condizionato la sua vita. Un uomo qualunque, emblema dell'arte romana di arrangiarsi con i lavori più disparati, per mantenere l'amatissima moglie (Alessandra Mastronardi) e un figlio cresciuto nel culto della Roma. Ad affiancare Ernesto: l'amico d'infanzia Giacinto (Ricky Memphis), simpatico "traffichino" e un artista solitario di successo (Alessandro Haber). Una biografia ricca di gioie e dolori in cui a trionfare sono quei vecchi e sani valori di cui tutti parlano e che latitano da tempo. In conferenza stampa il regista e autore Giovanni Veronesi, nelle vesti anche di amico di Ernesto (incredulo ospite) ha dichiarato che per una volta voleva raccontare una storia autentica, di un uomo che non si è mai tradito e non ha mai tradito nessuno. Italiani che hanno sempre pagato le tasse, rigato dritto e non si sono mai fatti corrompere dal sistema: "Perchè di queste persone non si parla mai? Gli onesti cittadini, come è stato anche mio padre, a fine carriera meriterebbero una medaglietta e questo film è la mia medaglia per Ernesto". Veronesi ha motivato così la scelta di dedicarsi a una storia vera. Un'avventura che è iniziata durante un viaggio tra Roma e Fabriano, in cui Ernesto raccontò le sue vicissitudini al regista che ha subito sottoposto il progetto al fratello Sandro, per poi occuparsene personalmente "Ho dovuto subito scrivere il film se no mio fratello ci avrebbe scritto un libro!". L'ironia rimane il punto di forza di Veronesi che non nasconde il suo intento (riuscito) di strappare un sorriso anche nelle scene drammatiche. Questa leggerezza in un contesto "festivaliero" non ci è dispiaciuta, i film forse - come la vita - è meglio prenderli con filosofia!

 

Nota: I quadri che vediamo nel film sono di Mimmo Paladino, l'artista (coinvolto grazie al contatto di Alessandro Haber), ha accettato di collaborare senza compenso, creando alcune tele appositamente per la pellicola. 



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts «Il nostro è il migliore dei mondi possibile. [...] Per quanto sia tutto così perfetto, per sopravvivere abbiamo bi… https://t.co/q9bgEEsXRo
SlidingArts RT @Elena_Bozzo: L’#ABC de #LAmicaGeniale: dalla A alla Z, tutto quello che ci ha insegnato #ElenaFerrante ➡️ https://t.co/IdrJVuW8xX #MyBr
SlidingArts #LAmicaGeniale dalla A alla Z ➡️ https://t.co/KHSAcmpYcm. Un originale alfabeto tratto dal romanzo di… https://t.co/rwiDJ1TJhw
SlidingArts «I libri sono tutto. I libri sono la vita» Addio alla grande #IngeFeltrinelli https://t.co/fzjwhbSg0X
SlidingArts Urbani Tartufi continua a sorprendere e ad essere un grande testimonial dell’Italia in uno scenario d’eccezione: al… https://t.co/dFP4K6Fisa
SlidingArts Per noi i consigli di lettura non finiscono con l’estate. Vi raccontiamo cos’ha letto ultimamente @martasuilibri in… https://t.co/65HRzLfJFH
SlidingArts Quali libri portare in vacanza? Ecco qualche consiglio flash @martasuilibri per riempire una valigia di libri, per… https://t.co/7HrCbev5ce
SlidingArts 📌🎶Per il settimo anno consecutivo Fondazione Monini presenta Musica da #CasaMenotti, 27 concerti gratuiti che si te… https://t.co/qEDaXEeYT1
SlidingArts Inizia l'estate e la #Spagna si conferma tra le mete più scelte, scopriamo insieme Siviglia, nel cuore dell'Andalus… https://t.co/5dcQ7R39Mv

 

Partner