Qualcuno volò sul nido del cuculo” versione femminile. Questa la sentenza quasi unanime su  “Ragazze interrotte”, che personalmente condivido ma non in senso negativo. Il film diretto da  James Mangold, tratto dal romanzo autobiografico di Susanna Kaysen, mette in risalto un problema che meritava un capitolo a sé: l’emarginazione e la demonizzazione di qualunque tipo di disturbo psicologico, in particolare nell’America bigotta degli anni ’60. La pellicola è ambientata in una clinica psichiatrica dove si intrecciano le vite di giovani donne vittime delle loro grandi fragilità, ignorate o sfruttate dalle famiglie, seguite dalla solita psicologa geniale che esiste solo nei film (vedi “Will Hunting”) e sedate da diverse infermiere tra cui spicca una sempre convincente Whoopi Goldberg. Le due protagoniste principali, che diventeranno amiche nonostante le diverse nevrosi, sono Winona Ryder (Susanna) e Angelina Jolie (Lisa). Chi ha seguito il gossip sulle vite vere delle due attrici capirà che non potevano trovare due interpreti più adatte. Angelina Jolie giganteggia, fa incetta di nomination e premi culminati con l’Oscar per la migliore attrice non protagonista, ma bisogna ammettere che all’epoca - prima di figli adottivi, campagne umanitarie e Brad Pitt - la Jolie sembrava davvero una ragazza interrotta, scandalosa e maledetta come il suo personaggio. Dicono che sia impegnativo interpretare anche personalità simili alla propria, tuttavia molti hanno ritenuto eccessivo il risalto dato alla prova della Jolie. Magrissima ai limiti dell’anoressia, nevrotica, spregiudicata e fuori controllo come un leone in gabbia: che abbia dovuto faticare oppure no il risultato è perfetto, ci inquieta dall’inizio alla fine, esprimendo appieno le psicosi di Lisa. Anche Winona Ryder (nella realtà ex cleptomane, qui ragazza dalla personalità borderline) ci mette del suo grazie al tipico sguardo spaurito: inizialmente convinta di trovarsi lì per sbaglio, dopo un lungo e doloroso percorso di consapevolezza ci regala un toccante monologo finale [… Sono mai stata matta? Forse sì. O forse è matta la vita. La follia non è essere a pezzi o custodire un oscuro segreto. La follia siete voi o io, amplificati: se avete mai detto una bugia e vi è piaciuto, se avete mai desiderato di poter restare bambini in eterno… Non erano perfette ma erano amiche mie…]. Da ricordare anche la prova della compianta Brittany Murphy in uno dei ruoli più complessi. A differenza dell’illustre precedente “Qualcuno volò sul nido del cuculo”, il film di Mangold dopo due ore di drammi ci lascia dunque con uno spiraglio di speranza, un raro segnale di solidarietà e vicinanza per tutte le ragazze interrotte. 



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v
SlidingArts Bottoni sardi e lucioles parigine, l’augurio di un sereno Natale da parte del team Sliding Arts ✨#slidingartshttps://t.co/ByXI00LhXg
SlidingArts RT @valentinacefalu: Mito indiscusso e icona di stile https://t.co/0ScNdpHCNr
SlidingArts «.. Poi arriva a una cena una donna con un pantalone nero da smoking e una camicia di seta bianca, un classico perf… https://t.co/am79NPaY5t
SlidingArts RT @LaFeltrinelli: I libri ci emozionano, ci fanno sognare, ci commuovono. E quante storie raccontano? Ecco il nostro regalo per voi, una s…
SlidingArts RT @SlidingArts: A corto di idee per #Natale2017? ✨ @martasuilibri, insieme a @Elena_Bozzo, vi dà 20 ottimi consigli per trovare il libro g…

 

Partner