L'11 agosto 2014 Hollywood ha perso uno dei suoi più grandi protagonisti. Robin Williams ha avuto un privilegio spettato a pochi: è stato l’interprete di personaggi “ideali”: il mammo perfetto in “Mrs. Doubtfire”, il professore che tutti avremmo voluto ne “L’attimo fuggente”, lo psichiatra di “Will Hunting” che ci fa riacquistare fiducia nella psicanalisi. I personaggi brillanti erano la sua specialità, il trasformista Williams ha addirittura vestito i panni, pardon la calzamaglia, di Peter Pan in “Hook”: fantasiosa pellicola sull’eroe di James Barrie un po’ cresciuto, che torna sull’Isola Che Non C’è per un’ultima avvincente avventura contro un altrettanto ottimo Dustin Hoffman alias Capitan Uncino. Impossibile contare quanti bambini siano cresciuti ridendo e piangendo davanti a Peter Pan che parte alla riconquista dei figli, in un tuffo nel passato fiabesco. Di formazione teatrale, il comico era anche un abile mimo (“Il mondo secondo Garp” ne è un esempio), ha debuttato in tv nel telefilm degli anni ’70  “Mork & Mindy” dove intepretava un divertente alieno che lo ha portato alla fama. La prima nomination agli Oscar ed il Golden Globe arrivano per “Good Morning Vietnam” del 1987, Williams potè dare libero sfogo all’improvvisazione nelle vesti di un militare che fa il deejay per la radio dell’esercito. “La leggenda del re pescatore”, in cui interpreta un altro personaggio sopra le righe (un ex professore diventato un clochard alla ricerca del Sacro Graal), gli regala di nuovo il Golden Globe ed una nomination per la statuetta più prestigiosa. Pochi anni dopo la Disney lo sceglie come voce del Genio in “Aladdin”: la maggior parte delle battute saranno frutto delle già note doti di improvvisazione di Williams. Come tutti i grandi spaziava senza problemi dal comico al drammatico, con la stessa intensità, che gli ha permesso di passare da “Jumanji” e “Flubber” a “Patch Adams” e “L’uomo bicentenario”. Le ultime apparizioni, prevalentemente in commedie commerciali, sono forse le meno memorabili, a parte un interessante Eisenhower in “The Butler”. L’unico Oscar, datato 1998, lo deve alla superba interpretazione del dottor Sean di “Will Hunting”, non ringrazieremo mai abbastanza Ben Affleck e Matt Damon (a loro il premio per la miglior sceneggiatura) per aver scritto e affidato a Williams questo personaggio. La notizia della morte, a soli 63 anni per sospetto suicidio, ha sconvolto tutti. È vero che ha avuto un passato turbolento con la dipendenza dalla cocaina, e oggi si parla di una possibile depressione, ma i volti con cui siamo cresciuti sembra debbano essere immortali. Robin Williams nelle vesti del Prof. Keating ci ha spronato al “Carpe diem”, a guardare la vita sempre da diverse prospettive, ci ha fatto sognare di entrare in quella classe dove l’insegnante fa strappare i libri in cui si spiega la poesia, perché certe cose non si possono spiegare. “O Capitano! Mio Capitano!” gridano gli studenti in piedi sui banchi, citando una poesia di Walt Whitman scritta in memoria di Lincoln. Così hanno salutato il professore costretto a lasciare la cattedra, vinto dagli schemi e dalla burocrazia. Questo forse è l’unico saluto possibile, sperando che ovunque sia ora il Capitano Williams abbia sempre colto il suo attimo fuggente. 



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts Non è una moda, non è la moda, è un’eredità destinata a durare per sempre ✨➡️https://t.co/MmIpOMLs8lhttps://t.co/NSlanyMCoS
SlidingArts RT @martasuilibri: Oggi è il gran giorno! Io nel frattempo lo rileggo. 📖 ✨🌌 #OurSoulsAtNight #LeNostreAnimeDiNotte https://t.co/S1kyY8d3jJ
SlidingArts RT @martasuilibri: La meraviglia @UtetLibri 📚due libri da avere, assolutamente https://t.co/iwlD3zxEU5
SlidingArts La mostra di #MariagiuliaColace all'interno del festival di scrittrici #inQuiete a Roma presso la Libreria Tuba ➡️… https://t.co/iMLUtuvqVs
SlidingArts RT @martasuilibri: Finisco #LucyBarton per immergermi subito in #Tuttoèpossibile perché la parola chiave (e vincente) è sempre una: la semp…
SlidingArts Leone d'oro alla carriera per Robert #Redford e Jane #Fonda che presentano #LeNostreAnimeDiNotte a #Venezia74 ➡️… https://t.co/dSMK3WBqPp
SlidingArts Dedicato alla moglie Emma, #Belgravia è il nuovo romanzo di Julian #Fellowes ambientato nella Londra del 1840 ➡️… https://t.co/RXov8XzaC1
SlidingArts Il concerto "Le Rondini e la Nina" nella cornice de l'#Agnata, omaggio di Gaetano Curreri e Paolo Fresu a Dalla e D… https://t.co/4jKyJGfZEq

 

Partner