Il regista Leonardo Guerra Seràgnoli ha ricordato un episodio che lo colpì profondamente quando era piccolo: una donna, durante una cena a casa dei genitori scoppiò a piangere perché aveva appena perso la custodia del figlio. La vicenda ha suscitato il desiderio di affrontare questa delicata tematica, così è nato “Last summer”: il racconto dei quattro giorni che sono stati concessi a una madre per salutare il figlio di cui ha perso l’affidamento, e che non potrà vedere per molti anni. La sceneggiatura di Seràgnoli si avvale della collaborazione di IgorT e della celebre scrittrice Banana Yoshimoto. Spiccano i costumi di Milena Canonero (Oscar per “Barry Lyndon” e “Momenti di gloria”), qui anche co-produttrice. Lo scenario è la lussuosa barca a vela (un gioiello progettato dall’architetto Odile Decq) dell’ex - immaginiamo molto facoltoso - marito, gestita da un equipaggio ostile alla donna. Perfetta l’atmosfera creata: il silenzio della barca in rada nel calmo mare della Puglia su cui ogni passo pesa come un macigno, quasi rimbomba tra l’esagerata formalità e compostezza degli ambienti altolocati. La bravissima attrice giapponese Rinko Kikuchi, già nomination agli Oscar per “Babel”, cerca di riconquistare la fiducia e l’affetto del figlio, con la delicatezza e la riservatezza tipiche della sua cultura orientale che cercherà di trasmettergli. Il bambino, che ha sentito non pochi pettegolezzi sulla madre, oppone una dura resistenza, forte del legame con altre figure sostitutive come babysitter e stewards. Un film che ha solo due pecche: la lentezza, in particolare nella prima parte la macchina da presa indugia eccessivamente su gesti e sguardi privi di dialoghi, e la mancata spiegazione delle cause di questo grave allontanamento. Considerando che si tratta di un’opera prima è comunque un prodotto più interessante di quelli proposti da altri veterani presenti al Festival



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts RT @LaFeltrinelli: I libri ci emozionano, ci fanno sognare, ci commuovono. E quante storie raccontano? Ecco il nostro regalo per voi, una s…
SlidingArts RT @SlidingArts: A corto di idee per #Natale2017? ✨ @martasuilibri, insieme a @Elena_Bozzo, vi dà 20 ottimi consigli per trovare il libro g…
SlidingArts A corto di idee per #Natale2017? ✨ @martasuilibri, insieme a @Elena_Bozzo, vi dà 20 ottimi consigli per trovare il… https://t.co/x1F59niJpr
SlidingArts La redazione di Sliding Arts esprime la sua vicinanza alla famiglia del maestro Pier Augusto Breccia per la sua... https://t.co/EPoem5k1Fl
SlidingArts Le opere 🎨, l'amore per Ol'ga Chochlova ♥️ e il viaggio in Italia 🇮🇹 Picasso Tra Cubismo e Classicismo: 1915-1925 i… https://t.co/NZxf5vfuT5
SlidingArts Non è una moda, non è la moda, è un’eredità destinata a durare per sempre ✨➡️https://t.co/MmIpOMLs8lhttps://t.co/NSlanyMCoS
SlidingArts RT @martasuilibri: Oggi è il gran giorno! Io nel frattempo lo rileggo. 📖 ✨🌌 #OurSoulsAtNight #LeNostreAnimeDiNotte https://t.co/S1kyY8d3jJ
SlidingArts RT @martasuilibri: La meraviglia @UtetLibri 📚due libri da avere, assolutamente https://t.co/iwlD3zxEU5
SlidingArts La mostra di #MariagiuliaColace all'interno del festival di scrittrici #inQuiete a Roma presso la Libreria Tuba ➡️… https://t.co/iMLUtuvqVs
SlidingArts RT @martasuilibri: Finisco #LucyBarton per immergermi subito in #Tuttoèpossibile perché la parola chiave (e vincente) è sempre una: la semp…

 

Partner