Lei è Eleanor (Jessica Chastain). Nome impegnativo perché di cognome fa Rigby. Lui è Conor Ludlow (James McAvoy) ed è il marito di Eleanor. Loro un tempo erano una coppia innamorata e felice ma adesso non lo sono più. Il motivo è drammatico e semplice: un lutto. Quel lutto che mette a nudo il vero carattere delle persone. Lei, Eleanor, tenta prima suicidio, poi si taglia i lunghi capelli rossi e infine si riscrive all’università che aveva dovuto lasciare troppo presto. E Conor? Lui la insegue. Già, perché sua moglie scappa e non si fa più trovare. Ma Conor la cerca, la trova e la aspetta. Lui sa aspettare i tempi di Eleanor. La pellicola, presentata un anno fa al Festival di Cannes nella sezione Un Certain Regard, è stata divisa in tre film diversi: uno descrive la storia vista da Lei, l’altro dal punto di vista di Lui e infine la narrazione oggettiva del collettivo Loro. E' quest'ultima la versione di cui qui si parla e in cui gli attori secondari giocano ruoli fondamentali. Alla bravissima Viola Davis spetta la parte della Prof.ssa Friedman che rimprovera Eleanor di comportarsi in modo inappropriato all’interno dell’università ma che poi diventa la stessa persona che la porta a mangiare un hamburger e a farle capire che non si può scappare per tutta la vita. Accanto a Conor è messo invece un personaggio meno risoluto della professoressa: Stuart (Bill Hader) ricopre le vesti del migliore amico più d’intralcio che d’aiuto per un ragazzo che invece ha le idee chiarissime riguardo il voler ritrovare sua moglie Eleanor. Il film è la testimonianza della diversa reazione delle persone davanti al dolore. C’è chi scappa, c’è chi resta. C’è chi non riesce a fare a meno di ricordare, c’è che i ricordi li nasconde a sé stesso. E l’unica cosa che può guarire queste ferite diventa il tempo. Il tempo. E sarà il tempo a mettere a posto il loro futuro. Il futuro di due persone che si amano in un sequel già annunciato.



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts 🌷📚 È primavera, sbocciano fiori e fioriscono libri. Quattro consigli libreschi su Sliding Arts #booklovershttps://t.co/msJAEoWUcB
SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v
SlidingArts Bottoni sardi e lucioles parigine, l’augurio di un sereno Natale da parte del team Sliding Arts ✨#slidingartshttps://t.co/ByXI00LhXg
SlidingArts RT @valentinacefalu: Mito indiscusso e icona di stile https://t.co/0ScNdpHCNr
SlidingArts «.. Poi arriva a una cena una donna con un pantalone nero da smoking e una camicia di seta bianca, un classico perf… https://t.co/am79NPaY5t
SlidingArts RT @LaFeltrinelli: I libri ci emozionano, ci fanno sognare, ci commuovono. E quante storie raccontano? Ecco il nostro regalo per voi, una s…

 

Partner