Teseo, Duca di Atene, ha sconfitto in battaglia IppolitaRegina delle Amazzoni. Dopo averla privata del suo regno, si unisce ora a lei in vincolo nuziale. Non solo. Nella stessa Atene fuori dal tempo, ben più infelice è l’annuncio di un altro matrimonio: quello tra Demetrio e Ermia, imposto dal padre di lei. Eppure il cuore di Ermia appartiene a Lisandro, giovane uomo che ricambia lo stesso sentimento e che parla per tutti quando lamenta: “Il corso di un vero amore non è mai andato liscio.” Tanto è vero che lo stesso potrebbe dire Elena, ossessionata dall’innamoramento nei confronti di Demetrio e abbandonata per Ermia. Accanto a questo infelice scenario, si sviluppa la buffa storia della rappresentazione del mito di Piramo e Tisbe da parte di dilettanti teatranti in realtà artigiani. Mentre persino Oberon e Titania, rispettivamente Re e Regina delle Fate, sono vittime di un litigio, saranno gli spiriti e i folletti, con a capo Puck, nell’arco di un sogno lungo una sola notte, a mettere a posto, non senza qualche difficoltà, ciò che da sempre i mortali sono incapaci di controllare: l’amore. Premessa essenziale quella della trama shakespeariana per snocciolare il “Sogno di una notte di mezz’estate” reinterpretato da Riccardo Cavallo per il Silvano Toti Globe Theatre di Villa Borghese, molto lontano dall'originale ma a tratti divertente nella sua rivisitazione. Se da una parte infatti troviamo un’Ermia e un Lisandro eccessivamente “mocciani” (troppi “amore” e “puccipucci”) dall’altra rimangono veramente simpatici gli artigiani tra le avventure e le disavventure che ruotano intorno al loro Piramo e Tisbe. Se il teatro è di tutti e per tutti, allora sicuramente una nota positiva va a questa messa in scena che permette a chiunque di distrarsi allegramente per un paio d’ore e che si adatta bene al pubblico italiano. Eppure, se dovessimo fare un paragone con le rappresentazioni dello stesso Globe londinese potremmo tranquillamente dire che è un errore rivisitare la commedia classica: bisogna restare fedeli al testo shakespeariano senza stravolgerne la natura e, per farlo, bisogna essere bravi. Ma bravi sul serio.



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts 📌🎶Per il settimo anno consecutivo Fondazione Monini presenta Musica da #CasaMenotti, 27 concerti gratuiti che si te… https://t.co/qEDaXEeYT1
SlidingArts Inizia l'estate e la #Spagna si conferma tra le mete più scelte, scopriamo insieme Siviglia, nel cuore dell'Andalus… https://t.co/5dcQ7R39Mv
SlidingArts 📚🌼 La consideriamo estate ma è ancora primavera sulla carta. E quindi #primaverasuilibri2 con i consigli di… https://t.co/z9wx7Jeqdh
SlidingArts La testimonianza della nostra coraggiosa @martasuilibri su @Corriere_Salute. Forza Marta! 💪🏻➡️… https://t.co/7DugtI282y
SlidingArts 🌷📚 È primavera, sbocciano fiori e fioriscono libri. Quattro consigli libreschi su Sliding Arts #booklovershttps://t.co/msJAEoWUcB
SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v

 

Partner