La verità come sempre divide, divide chi non vuole sentirla da chi ha il coraggio di affrontarla, divide chi la ritiene sempre interessante da chi la considera noiosa retorica. Questo è il fulcro di "Truth", un contrasto che può rappresentare anche la reazione della stampa in occasione della sua anteprima alla 10^ Festa del Cinema di Roma. Di fronte ad un film del genere è forse inevitabile provare sentimenti opposti. La storia, tratta dal libro di Mary Mapes, in pieno "stile Watergate", racconta dell'inchiesta giornalistica sull'allora Presidente degli Stati Uniti George W. Bush in merito alla presunta raccomandazione, grazie alla quale avrebbe evitato la guerra del Vietnam da ragazzo. Siamo nel 2004, durante il difficile periodo pre-elettorale, Mary Mapes (Cate Blanchett) è una giornalista della CBS già artefice di scoop politici, appena si trova per le mani dei documenti scottanti su Bush monta un servizio che verrà fatto a pezzi dalla concorrenza per la presunta falsità dei file. In tutto ciò è affiancata dal suo mentore Dan Rather (Robert Redford), sostituto d'eccezione di una figura paterna che le ha causato gravi traumi, influenzando anche la sua vita lavorativa. La pellicola si potrebbe anche riassumere in poche parole: uno spaccato di giornalismo politico americano dei giorni nostri. Ed è qui che probabilmente la sala si divide: troppo retorico? troppo sentimentalismo democratico? Cate Blanchett, grande assente del giorno, è fuori discussione, vederla solo sullo schermo è un'ottima consolazione: istrionica, nulla da aggiungere. Robert Redford non ha bisogno di presentazioni, è il ruolo per lui ed esegue a dovere. Gli altri interpreti rimangono forse un po' oscurati dalle due superstar, ma la regia e la sceneggiatura incalzanti aiutano tutti a fare la loro bella figura. Il regista James Platten Vanderbilt ammette di essere cresciuto con "Tutti gli uomini del Presidente" e sicuramente, nonostante tutto, ci lascia un'altra bella pagina sull'idealismo di una piccola fetta di giornalisti, sull'eterna lotta tra verità e potere, che vede purtroppo uscire vincente sempre il secondo.



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts 📌🎶Per il settimo anno consecutivo Fondazione Monini presenta Musica da #CasaMenotti, 27 concerti gratuiti che si te… https://t.co/qEDaXEeYT1
SlidingArts Inizia l'estate e la #Spagna si conferma tra le mete più scelte, scopriamo insieme Siviglia, nel cuore dell'Andalus… https://t.co/5dcQ7R39Mv
SlidingArts 📚🌼 La consideriamo estate ma è ancora primavera sulla carta. E quindi #primaverasuilibri2 con i consigli di… https://t.co/z9wx7Jeqdh
SlidingArts La testimonianza della nostra coraggiosa @martasuilibri su @Corriere_Salute. Forza Marta! 💪🏻➡️… https://t.co/7DugtI282y
SlidingArts 🌷📚 È primavera, sbocciano fiori e fioriscono libri. Quattro consigli libreschi su Sliding Arts #booklovershttps://t.co/msJAEoWUcB
SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v

 

Partner