La camminata del funambolo francese Philippe Petit tra le Twin Towers da libro è diventata film. I presupposti c’erano: una personalità dall’incredibile audacia, un piano complicatissimo studiato nei minimi dettagli e lo spettacolare skyline di New York che si apre ai piedi dell’artista. Joseph Gordon-Levitt continua a maturare davanti alla macchina da presa, questa volta era chiamato ad interpretare un giocoliere dall’accento francese che si impegna per parlare quell’inglese che invece Levitt padroneggia. La regia è letteralmente da Oscar, Robert  Zemeckis, che commosse il mondo con “Forrest Gump”, qui si aiuta con un 3D mai così adatto alla storia. La messa in scena è talmente reale che lo spettatore meno coraggioso comincia a soffrire di vertigini in cima alla torre con il vuoto sotto i piedi, come uno degli amici/complici di Petit. Il funambolo si appassiona al mestiere fin dalla prima volta che lo ha visto fare al circo, lascia la famiglia per diventare un artista di strada a Parigi e comincia a sviluppare un’insana passione per le passeggiate sul filo, senza cavi o reti di sicurezza: vuole dimostrare a se stesso e al mondo che niente è impossibile. Il suo maestro è un superbo Ben Kingsley, che prova a frenare la sua arroganza mettendolo in guardia quando sceglie il suo prossimo obiettivo: le Twin Towers, che all’epoca erano ancora  in costruzione. Petit non vuole ingannare il pubblico, anche questa volta compirà l’impresa senza alcun sostegno, come se fosse un filo qualunque, posto ad un’altezza irrisoria. La sua forza è proprio questa, lassù non si sente solo e in pericolo di vita: il vuoto, il filo e il cielo sono suoi amici. Di traversate alla fine ne farà più di una per evitare la solerte polizia di New York giunta sul tetto per fermarlo. Da pazzo criminale diventa in pochi minuti eroe nazionale, non ha salvato nessuno, ha anche infranto un centinaio di leggi, ma gli americani si sa ammirano più di ogni cosa il coraggio, dote innata di una nazione di migranti. Come premio riceverà un pass per poter visitare il tetto ogni volta che vorrà, per sempre. Il finale però ci lascia un profondo rammarico perché sappiamo che oggi non può più tornare lassù: il World Trade Center, che era apparentemente più forte di questo piccolo uomo,  è caduto nel vuoto per mano di altri uomini con sogni sbagliati.



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts Il concerto "Le Rondini e la Nina" nella cornice de l'#Agnata, omaggio di Gaetano Curreri e Paolo Fresu a Dalla e D… https://t.co/4jKyJGfZEq
SlidingArts Tutto pronto al Foro Italico per #EnergyforSwim: le stelle del nuoto si sfidano per la solidarietà! https://t.co/wi1j1IEwPG
SlidingArts C'è tempo ancora fino a domani per entrare nel mondo privato di #MarilynMonroe in mostra al #PalazzoDegliEsami di R… https://t.co/Rfc98P6gsF
SlidingArts Roger #Federer oltre la leggenda: ottavo titolo @Wimbledon oggi su #SlidingArts #Wimbledon2017 @Nikehttps://t.co/H6qWVGIBqc
SlidingArts Da Audrey Hepburn a Cary Grant, da Fred Astaire a Ingrid Bergman, in mostra le fotografie del cinema… https://t.co/eFfgqQRSJ4
SlidingArts Appuntamento a Viterbo con #ombrefestival: https://t.co/LPWHG2AfRH e a Civita di Bagnoregio per il concerto dedicat… https://t.co/qza3iINrKB
SlidingArts RT @elena_bozzo: Degustazione di cibi e vini sudafricani nella bellissima cornice dell'Ambasciata del Sudafrica a Roma 🍷#slidingarts https:…
SlidingArts Con "Valigia Diplomatica" Antonio Morabito racconta la sua carriera diplomatica: un lungo percorso fatto di... https://t.co/KKsiaE58pv
SlidingArts Nasceva oggi... Sliding Arts! Nel giorno del nostro quarto compleanno ricordiamo quello di una persona molto... https://t.co/isJgxgHZhX

 

Partner