Quella scritta da Antoine de Saint-Exupéry nel 1943 è una delle favole più lette al mondo, ha accompagnato generazioni di bambini eppure è così “da adulti” per i messaggi profondi che nasconde. “Il Piccolo Principe” non invecchia mai, anzi è al passo coi tempi perché si è trasformato in un cartone animato con le tecniche più moderne ed è entrato nella vita di una bambina dei giorni nostri. Il film di Mark Osborne, non è solo il racconto del bambino e l’aviatore, è piuttosto un ritratto di famiglia e vita urbana odierna in cui c’è poco spazio per i sogni ad occhi aperti e i bambini sono chiamati fin da piccolissimi a rispettare rigide tabelle di marcia per la strada del successo. E il rischio peggiore crescendo è dimenticare la magia, le stelle, le volpi ammaestrate e le rose che crescono su pianeti minuscoli. Ma la bambina protagonista del film intuisce questo pericolo e si lascia guidare dal nuovo bizzarro vicino di casa, l’Aviatore ormai anziano, alla scoperta di una storia incredibile. All’inizio mette in dubbio tutto quello che legge poi si appassiona, riempie la sua grigia cameretta di stelle e la Volpe di peluche diventa la sua unica amica. La sua parte razionale però non cede del tutto, rimane delusa dal finale della favola e parte alla ricerca del Piccolo Principe, a quel punto il film prende una svolta inaspettata: la bambina trova il Principe ormai cresciuto (qui fa pensare inevitabilmente al Peter Pan di “Hook”), perché non è riuscito a tornare sul suo pianeta. È finito in un mondo abitato dagli strani personaggi che aveva conosciuto nel suo viaggio: il vanitoso, il re, l’uomo d’affari (un evidente simbolo del capitalismo). Il Piccolo Principe porta un universo di colori nel nostro pianeta asettico, pieno di uomini tristi chini sulle loro scrivanie, uomini che si disperano quando perdono qualcosa perché non sanno che “L’essenziale è invisibile agli occhi”, ciò che è scolpito nella memoria e nel cuore non si perde mai.



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts 🌷📚 È primavera, sbocciano fiori e fioriscono libri. Quattro consigli libreschi su Sliding Arts #booklovershttps://t.co/msJAEoWUcB
SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v
SlidingArts Bottoni sardi e lucioles parigine, l’augurio di un sereno Natale da parte del team Sliding Arts ✨#slidingartshttps://t.co/ByXI00LhXg
SlidingArts RT @valentinacefalu: Mito indiscusso e icona di stile https://t.co/0ScNdpHCNr
SlidingArts «.. Poi arriva a una cena una donna con un pantalone nero da smoking e una camicia di seta bianca, un classico perf… https://t.co/am79NPaY5t
SlidingArts RT @LaFeltrinelli: I libri ci emozionano, ci fanno sognare, ci commuovono. E quante storie raccontano? Ecco il nostro regalo per voi, una s…

 

Partner