E’ il film più visto del 2017, record al box office con oltre 16 milioni di euro: l’attesa riposta ne La Bella e la Bestia, remake dell’omonimo film d’animazione del 1991, si è dimostrata positiva in termini di fatturato. Ma cosa ne pensa il pubblico di questo rifacimento? La scelta di maggior scontento risulta sicuramente quella del personaggio di Belle, la protagonista femminile con il compito di spezzare l’incantesimo che ha investito un principe arrogante e gli abitanti del suo castello. I tratti eccessivamente duri e squadrati di Emma Watson non si confanno alla ragazza aggraziata, colta e indipendente che non trova la sua dimensione all’interno di un piccolo paese. La severità si aggrava se condita alla poca espressività della Watson e alle scarsissime doti di danza dell’attrice, entrambi difetti imperdonabili per una principessa. Non meno importante, la scelta del regista Bill Condon di non prendere una posizione decisa sulla storia: fatti e personaggi seguono la trama tradizionale ma non completamente. Una via di mezzo letale che non permette mai allo spettatore di entrare all’interno del film. Lo stesso dicasi per la colonna sonora. Canzoni storpiate, in peggio, fanno credere al pubblico che sia finalmente arrivato il momento in cui sentirsi partecipi, deludendo sistematicamente l’aspettativa. Tra gli altri sbagli madornali, anche costumi e scenografia. Il castello ha un’aria tremendamente kitsch che non risparmia nemmeno il candelabro Lumiére, l’orologio a pendolo Tockins e la povera Spolverina, figurarsi gli altri personaggi. L’intento eco-solidale voluto per i tessuti non basta a giustificare il lavoro davvero troppo ordinario fatto da Jacqueline Durran, già Oscar ai migliori costumi nel 2014 per il film Anna Karenina e meritata nomination per Orgoglio e Pregiudizio ed Espiazione. Mosca bianca all’interno di questo live-action è Josh Gad nei panni di Le Tont, aiutante del cattivo Gaston e, colpo di scena, segretamente innamorato di lui. E’ il primo personaggio quasi dichiaratamente gay all’interno di un film Disney. Nemmeno la deliziosa comparsa di Emma Thompson nei panni di Mrs. Potts permette, però, al nuovo La Bella e la Bestia di raggiungere la sufficienza. 



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts 📌🎶Per il settimo anno consecutivo Fondazione Monini presenta Musica da #CasaMenotti, 27 concerti gratuiti che si te… https://t.co/qEDaXEeYT1
SlidingArts Inizia l'estate e la #Spagna si conferma tra le mete più scelte, scopriamo insieme Siviglia, nel cuore dell'Andalus… https://t.co/5dcQ7R39Mv
SlidingArts 📚🌼 La consideriamo estate ma è ancora primavera sulla carta. E quindi #primaverasuilibri2 con i consigli di… https://t.co/z9wx7Jeqdh
SlidingArts La testimonianza della nostra coraggiosa @martasuilibri su @Corriere_Salute. Forza Marta! 💪🏻➡️… https://t.co/7DugtI282y
SlidingArts 🌷📚 È primavera, sbocciano fiori e fioriscono libri. Quattro consigli libreschi su Sliding Arts #booklovershttps://t.co/msJAEoWUcB
SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v

 

Partner