È la calda estate del 1983 in una villa nella provincia tra Brescia e Bergamo. Elio (Timothée Chalamet), diciassettenne italoamericano di straordinaria cultura, passa le vacanze insieme a suo padre, professore di archeologia, e a sua madre, “sciura” elegante e moderna traduttrice. Una famiglia discretamente ebraica, così gli piace definirsi. A fare irruzione nella loro vita quotidiana è Oliver (Armie Hammer), giovane studente americano ospite del professore che lavora insieme a lui alla tesi di post dottorato. Ad un primo sentimento di odio di Elio nei confronti di Oliver ne segue, come spesso accade, uno d’amore e coinvolgimento che nascerà e crescerà nelle sei settimane del loro soggiorno estivo tra gite in bicicletta al lago e verso la città, e momenti intimi in piscina o nascosti in soffitta. Luca Guadagnino dirige Chiamami col tuo nome, film tratto dall’omonimo romanzo di André Aciman e candidato a quattro premi Oscar, tra cui quello meritatissimo per miglior canzone originale di Sufjan Stevens, Mystery of love. Il cantautore statunitense firma la colonna sonora con altri due pezzi, Futile Devices e Visions of Gideon, quasi a ricoprire il ruolo di narratore nascosto durante tutto lo svolgimento della storia. Magnifica la fotografia di Sayombhu Mukdeeprom, che coglie la luce calda e rassicurante dell’estate italiana in ogni suo piccolo dettaglio. Curatissimi anche gli arredi degli interni: la cucina, i pavimenti, le porte, i letti sono tipici delle case dell’alta borghesia del nord Italia, molto simili a quelle della riviera ligure - dove infatti il libro di Aciman è originariamente ambientato. A braccetto con la scenografia vanno i costumi, particolarmente ricercati da Giulia Persanti. Il film fatica un po’ a decollare nel primo tempo anche se Timothée Chalamet (già visto nella serie di successo Homeland - Caccia alla Spia) è bravissimo e cattura l’attenzione fin dal primo momento. La storia si concentra e si sviluppa invece nell’ultima parte: qui, d’un tratto, si assiste ad un travolgimento emotivo che coinvolge protagonisti e coprotagonisti (tra le altre scene particolarmente belle, l’incontro di Elio con l’ex ragazza Marzia, il discorso del padre/professore e il momento della telefonata con Oliver). Tantissime le citazioni da scovare in un film assolutamente calato nel suo contesto storico e che merita di essere visto anche solo per la maniacale attenzione ai particolari, forse molto più curati rispetto all’equilibrio temporale nell’evoluzione della trama.



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v
SlidingArts Bottoni sardi e lucioles parigine, l’augurio di un sereno Natale da parte del team Sliding Arts ✨#slidingartshttps://t.co/ByXI00LhXg
SlidingArts RT @valentinacefalu: Mito indiscusso e icona di stile https://t.co/0ScNdpHCNr
SlidingArts «.. Poi arriva a una cena una donna con un pantalone nero da smoking e una camicia di seta bianca, un classico perf… https://t.co/am79NPaY5t
SlidingArts RT @LaFeltrinelli: I libri ci emozionano, ci fanno sognare, ci commuovono. E quante storie raccontano? Ecco il nostro regalo per voi, una s…
SlidingArts RT @SlidingArts: A corto di idee per #Natale2017? ✨ @martasuilibri, insieme a @Elena_Bozzo, vi dà 20 ottimi consigli per trovare il libro g…
SlidingArts A corto di idee per #Natale2017? ✨ @martasuilibri, insieme a @Elena_Bozzo, vi dà 20 ottimi consigli per trovare il… https://t.co/x1F59niJpr

 

Partner