La seconda stagione di "American Crime Story", ovvero "The Assassination of Gianni Versace" era uno degli eventi televisivi più attesi dell'anno, preceduto da una massiccia promozione e da tante aspettative dovute alla celebrità del protagonista, ma finora la serie ha sollevato qualche perplessità sulla sua realizzazione. I trailer e le diverse operazioni di marketing nei mesi precedenti avevano mostrato i suoi punti forti: Penelope Cruz nelle vesti di Donatella Versace, un Edgar Ramirez identico a Gianni, la popstar Ricky Martin che interpreta il compagno dello stilista e, dulcis in fundo, l'utilizzo della vera villa extra-lusso di Versace a Miami (che oggi è un hotel). Viste le premesse ci aspettavamo quindi una serie molto glamour e invece, dopo le prime due puntate, i Versace scompaiono dallo schermo per lasciare spazio a quello che è diventato il vero protagonista: Andrew Cunanan, il suo killer. Da una parte la scelta è coerente se pensiamo alla natura "crime" della serie ma, se nella prima stagione era stato affrontato il caso O.J. Simpson, questa volta forse, visto il maggiore appeal mediatico del protagonista, speravamo in un'introspezione più accurata nel dorato e complesso mondo di Gianni Versace oltre a quella, doverosa, nella vita del serial killer. Interi episodi sui precedenti delitti di Cunanan, efferati e macabri, che hanno preceduto quello più famoso, lasciano quindi un po' interdetto lo spettatore. Un peccato anche altre piccole lacune: Donatella/Penelope che nella versione originale parla con accento ispanico invece che italiano, mentre sfoggia il look della Versace più ultima maniera, non esattamente quello degli anni '90, e davvero troppi flashback e alternanze cronologiche che a volte possono confondere anche i più attenti. La famiglia Versace ha espresso in un comunicato le sue distanze dalla serie, sottolineando inoltre che non è stata coinvolta nel making of, e la cosa non ci stupisce se pensiamo anche alla controversa e scabrosa rappresentazione dell'omosessualità. Nell'attesa dell'ultima parte finora sembra quindi una grande occasione mancata: un'icona come Gianni Versace forse avrebbe meritato più spazio ed un migliore approfondimento nella serie che porta il suo nome, non dovremmo chiederci se stiamo guardando la storia di Andrew Cunanan invece della sua.



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v
SlidingArts Bottoni sardi e lucioles parigine, l’augurio di un sereno Natale da parte del team Sliding Arts ✨#slidingartshttps://t.co/ByXI00LhXg
SlidingArts RT @valentinacefalu: Mito indiscusso e icona di stile https://t.co/0ScNdpHCNr
SlidingArts «.. Poi arriva a una cena una donna con un pantalone nero da smoking e una camicia di seta bianca, un classico perf… https://t.co/am79NPaY5t
SlidingArts RT @LaFeltrinelli: I libri ci emozionano, ci fanno sognare, ci commuovono. E quante storie raccontano? Ecco il nostro regalo per voi, una s…
SlidingArts RT @SlidingArts: A corto di idee per #Natale2017? ✨ @martasuilibri, insieme a @Elena_Bozzo, vi dà 20 ottimi consigli per trovare il libro g…

 

Partner