Cala il sipario a Wimbledon 2017 sulle note dell'ottava sinfonia di Federer. Il pubblico, in piedi, applaude a lungo, quasi a chiedere il bis. Ma questo è tennis, anche se giocato in un grande teatro, e ogni rappresentazione è unica. Ad una analisi attenta quest'anno sui campi di Church Road è successo di tutto: campi non perfetti, troppi ritiri per problemi fisici veri o presunti, la ola per Federer in un tempio sacro come il campo centrale. Inaudito in un posto dove ogni minimo dettaglio è sempre curato con precisione maniacale! Eppure lo hanno notato in pochi perché l'attenzione dei media, del pubblico e degli addetti ai lavori quest'anno era incentrata esclusivamente su Roger, sin dal primo giorno. Con buona pace di Sir Andrew Murray! Il Re aveva già scritto la storia del tennis e di questo torneo ma, non pago, ha voluto aggiungere un altro capitolo. Trentasei anni, sei mesi di stop per infortunio e a gennaio un rientro da numero 17 del mondo. Siamo già fortunati a poterlo rivedere in campo! Ma lui torna e vince a Melbourne, Indian Wells e Miami. I commenti si sprecano: non si può giocare meglio di così, è incredibile, non è umano. Il tennis non può chiedere di più ad un uomo solo ed è impensabile che possa vincere ancora. Poi arriva la stagione sull'erba, la sua erba. Trionfa ancora ad Halle e poi arriva a Wimbledon, il suo torneo, il più prestigioso del mondo, e vince sette partite senza perdere un solo set. E Wimbledon lo incorona ancora una volta, l'ottava sul campo centrale, il suo giardino, e gli consegna l'immortalità: Re Roger VIII è ancora sul trono! Chi non conosce bene questo sport penserà: va bene, è solo tennis. Ma i suoi gesti perfetti, la facilità con cui gioca colpi impossibili, la leggerezza con la quale danza sul campo, l'eleganza oltre ogni limite, la capacità di fermare il tempo. Questo no, non è il tennis: è qualcosa di magico, di divino, che ti fa dire che la vita merita di essere vissuta anche solo per vederlo giocare ancora. In tribuna d'onore principi, duchi, icone del mondo dello sport, del cinema, della letteratura. Ma il re è in campo e ruba loro la scena. 


 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v
SlidingArts Bottoni sardi e lucioles parigine, l’augurio di un sereno Natale da parte del team Sliding Arts ✨#slidingartshttps://t.co/ByXI00LhXg
SlidingArts RT @valentinacefalu: Mito indiscusso e icona di stile https://t.co/0ScNdpHCNr
SlidingArts «.. Poi arriva a una cena una donna con un pantalone nero da smoking e una camicia di seta bianca, un classico perf… https://t.co/am79NPaY5t
SlidingArts RT @LaFeltrinelli: I libri ci emozionano, ci fanno sognare, ci commuovono. E quante storie raccontano? Ecco il nostro regalo per voi, una s…
SlidingArts RT @SlidingArts: A corto di idee per #Natale2017? ✨ @martasuilibri, insieme a @Elena_Bozzo, vi dà 20 ottimi consigli per trovare il libro g…
SlidingArts A corto di idee per #Natale2017? ✨ @martasuilibri, insieme a @Elena_Bozzo, vi dà 20 ottimi consigli per trovare il… https://t.co/x1F59niJpr

 

Partner