Fabrizio De André o Faber, così lo chiamava l'amico Paolo Villaggio per la sua passione dei pastelli Faber-Castell. A 18 anni dalla sua scomparsa, le penne del giornalismo web ricordano con gratitudine un artista che ha lasciato in eredità una ricchezza musicale grande e attuale quanto basta, forse di più. Genova, l'amore, la guerra, la morte, l'anarchia, la fede, gli emarginati. Questi i grandi temi della sua poetica sopra cui costruì memorabili personaggi come “Marinella”, “Geordie”, “Un chimico”, “Bocca di Rosa”, “Nancy”, “Piero” e moltissimi altri. Così oggi Fabrizio De André è ancora vivo nei cuori di chi lo ha amato e continua a farlo, di chi ha tracciato e ripercorso una vita con lui sempre accanto. In tanti sono rimasti a domandarsi quale fosse la linea di confine tra il De André cantautore e il De André poeta senza pensare che le etichette non vanno bene per le persone e che, tra le altre cose, fu lo stesso Faber a fornire una scaltra risposta: "Benedetto Croce sosteneva che fino a 18 anni tutti scrivono poesie, poi quelli che continuano a farlo o sono poeti o sono cretini. Io, poeta vero non lo ero. Cretino nemmeno. Ho scelto la via di mezzo: cantautore". Fabrizio De André, quarant'anni di attività artistica di immenso valore per tredici album e tantissime canzoni pubblicate come singoli, commemorato nella sua casa natale del capoluogo ligure "per il suo talento, per il suo spirito solidale, per aver dato un risalto universale alla lingua di Genova". Altro amore accanto a quello della sua terra fu quello per la Sardegna. Con Dori Ghezzi, si trasferì nella tenuta dell'Agnata vicino Tempio Pausania dove entrambi vennero coinvolti in un sequestro di quattro mesi a cui Faber si sarebbe poi ispirato per la stesura del testo di “Hotel Supramonte”. Impossibile stilare una classifica delle canzoni più belle di Fabrizio De André, testi e melodie che vanno conosciuti profondamente per poi essere condivisi con poche e mirate persone; secondo il giudizio dello stesso cantautore sarebbe “La buona novella”"il disco più ben scritto, meglio riuscito". Da quel triste giorno del gennaio 1999 son passati 18 anni ma Fabrizio De André è rimasto insieme a noi attraverso le sue parole e le sue note, con "la sua voce che ormai canta nel vento".



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts 🌷📚 È primavera, sbocciano fiori e fioriscono libri. Quattro consigli libreschi su Sliding Arts #booklovershttps://t.co/msJAEoWUcB
SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v
SlidingArts Bottoni sardi e lucioles parigine, l’augurio di un sereno Natale da parte del team Sliding Arts ✨#slidingartshttps://t.co/ByXI00LhXg
SlidingArts RT @valentinacefalu: Mito indiscusso e icona di stile https://t.co/0ScNdpHCNr
SlidingArts «.. Poi arriva a una cena una donna con un pantalone nero da smoking e una camicia di seta bianca, un classico perf… https://t.co/am79NPaY5t
SlidingArts RT @LaFeltrinelli: I libri ci emozionano, ci fanno sognare, ci commuovono. E quante storie raccontano? Ecco il nostro regalo per voi, una s…

 

Partner