L’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai chiude ufficialmente oggi la sua stagione sinfonica e lo fa proponendo un programma tutto mozartiano. La prima serata di concerti, giovedì 22 maggio, ha visto Alexander Lonquich suonare e dirigere l’Orchestra in un concerto a dir poco strabiliante. Lonquich torna all’Auditorium Toscanini di Torino e lo fa portando sotto i riflettori la migliore musica classica di sempre. Preceduto da una breve introduzione dello stesso maestro tedesco, nel primo tempo  ha suonato al pianoforte il Concerto n.17 in Sol maggiore KV453. In tutti e tre i movimenti (allegro, andante, allegretto) Lonquich ha letteralmente impressionato per la naturalezza con la quale si muoveva fra la direzione e la tastiera del pianoforte. Come lui stesso ha precisato in apertura, Mozart impressiona perché mette in pratica ciò che immagina. Trilli, rondò e passaggi virtuosi sono sembrati naturali, semplici e leggeressimi, tanta è la tecnica e la padronanza del testo da parte di LonquichSuonare Mozart non è sicuramente da tutti, non da margine d’errore e spazio all’interpretazione. Quello che è stato scritto deve essere riportato alla lettera, anzi alla nota, e Alexander Lonquich ha impressionato proprio per la maniacale fedeltà e chiarezza espositiva. Una grande testimonianza d’affetto e soddisfazione del pubblico hanno accompagnato sul finire del primo tempo la Sinfonia n.36 in Do maggiore KV425. Tralasciando il fatto che Mozart scrisse questa sinfonia in soli quattro giorni, la musica viene ricordata per essere la più “haydiana” tra quelle del compositore. Il carattere haydiano si riconosce soprattutto per l'aspetto lirico-umoristico della composizione, che mette in grande risalto tutta la potenzialità dell’orchestra. Lonquich conduce la sinfonia in maniera impeccabile, mettendo in risalto tutto quello che l’orecchio di un pubblico attento ed appassionato si aspetta. Il Concerto n.22 in Mi bemolle maggiore KV482 ha riportato Lonquich a dividersi fra direzione e pianoforte, regalando un secondo tempo altrettanto emozionante. L’opera composta da Mozart nel 1783,  rientra nel pieno del suo periodo imprenditoriale libero dalle commissioni dell’arcivescovo Colloredo. Il KV482 è famoso soprattutto perché risulta essere il primo concerto per pianoforte ed orchestra in cui Mozart utilizza due clarinetti al posto dei consueti oboi. I riferimenti melodici ad altre sue opere sono abbastanza evidenti; per esempio nel rondò finale i richiami al “Porgi Amor”, l’aria della contessa nel secondo atto de "Le Nozze di Figaro", sembrano molto simili, per non dire identici. Anche qui Lonquich viene ringraziato con una serie di applausi che lo portano a deliziare la sala con un bis, sulle note di un apparentemente “semplice” minuetto. Stasera va in scena la seconda e ultima serata della Sinfonica. Lonquich presenterà un programma diverso, sempre mozartiano: il Concerto n.14 in Mi bemolle maggiore KV449, la Sinfonia n.38 in Re maggiore KV504 “Praga” e per finire il Concerto n.24 in Do minore KV491 per pianoforte. Appuntamento quindi alle 20.30 all’Auditorium Toscanini di Torino: potrete seguire l'evento in diretta su RaiRadio3 e in streaming audio-video su www.osn.rai.it e www.classica.rai.it .



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts Inizia l'estate e la #Spagna si conferma tra le mete più scelte, scopriamo insieme Siviglia, nel cuore dell'Andalus… https://t.co/5dcQ7R39Mv
SlidingArts 📚🌼 La consideriamo estate ma è ancora primavera sulla carta. E quindi #primaverasuilibri2 con i consigli di… https://t.co/z9wx7Jeqdh
SlidingArts La testimonianza della nostra coraggiosa @martasuilibri su @Corriere_Salute. Forza Marta! 💪🏻➡️… https://t.co/7DugtI282y
SlidingArts 🌷📚 È primavera, sbocciano fiori e fioriscono libri. Quattro consigli libreschi su Sliding Arts #booklovershttps://t.co/msJAEoWUcB
SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v
SlidingArts Bottoni sardi e lucioles parigine, l’augurio di un sereno Natale da parte del team Sliding Arts ✨#slidingartshttps://t.co/ByXI00LhXg

 

Partner