Il concerto per i 60 anni della Rai - Radio Televisione Italiana, non poteva avere un epilogo migliore! L’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai ha deliziato per quasi due ore una sala gremita di appassionati, curiosi e persone di tutte l’età. L’idea di celebrare il compleanno musicale della Rai ripercorrendo la sua storia attraverso le sigle e le melodie delle trasmissioni, si è rivelata un vero e proprio successo. Il pubblico ha iniziato a riempire la piazza davanti all’Auditorium Arturo Toscanini di Torino sin dalle 19.30, ben un’ora e mezzo prima dell'inizio. In poco tempo la coda ha raggiunto proporzioni inaspettate, crescendo lungo parte di via Rossini; alcuni purtroppo sono rimasti fuori per esaurimento posti (oltre 1500 la capienza massima). Se avete perso il concerto non vi rammaricate, la sera del 21 settembre Rai 5 lo ritrasmetterà per intero. Il primo tempo, come da programma, presentava un grande medley di pezzi classici “prestati” alla televisione, dalla sigla di SuperQuark, "Aria sulla 4 corda" di Bach, a quella di inizio trasmissioni, passando per il "Guglielmo Tell" di Rossini. La seconda parte del concerto invece, forse la più attesa dal pubblico, ha visto l’Orchestra cimentarsi con sigle di programmi, intermezzi e stacchetti famosi della televisione, diventati dei veri e propri cult che hanno scandito la vita di ogni spettatore. Anche qui, abbiamo potuto ascoltare brani classici miscelati a stacchetti moderni con incursioni fusion e jazz da parte del grande ospite della serata, il pianista jazz Danilo Rea, un vero big dell’improvvisazione, idolo degli appassionati. L’Auditorium per una sera si è “spogliato” dell’aura istituzionale e formale delle grandi performance classiche, regalando una serata di musica “classica” diversa, non convenzionale. Per questa volta si può apprezzare il bisbiglio del pubblico “non di soli melomani” che ha avuto tutta la facoltà di accompagnare l’Orchestra con battito di mani e sussurrando melodie a lui conosciute. Questa è stata la festa musicale della Rai, la televisione che nel bene e nel male appartiene ad ognuno di noi e a cui tutti leghiamo un ricordo per un programma o una musica sentita su una delle sue reti. 



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts Quali libri portare in vacanza? Ecco qualche consiglio flash @martasuilibri per riempire una valigia di libri, per… https://t.co/7HrCbev5ce
SlidingArts 📌🎶Per il settimo anno consecutivo Fondazione Monini presenta Musica da #CasaMenotti, 27 concerti gratuiti che si te… https://t.co/qEDaXEeYT1
SlidingArts Inizia l'estate e la #Spagna si conferma tra le mete più scelte, scopriamo insieme Siviglia, nel cuore dell'Andalus… https://t.co/5dcQ7R39Mv
SlidingArts 📚🌼 La consideriamo estate ma è ancora primavera sulla carta. E quindi #primaverasuilibri2 con i consigli di… https://t.co/z9wx7Jeqdh
SlidingArts La testimonianza della nostra coraggiosa @martasuilibri su @Corriere_Salute. Forza Marta! 💪🏻➡️… https://t.co/7DugtI282y
SlidingArts 🌷📚 È primavera, sbocciano fiori e fioriscono libri. Quattro consigli libreschi su Sliding Arts #booklovershttps://t.co/msJAEoWUcB
SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v

 

Partner