Appena salito sul palco lo si riconosce per l’abbigliamento e il passo deciso di una rockstar, una rockstar formata però per la grande classica. David Garrett è uno di quegli artisti di fama internazionale che è capace richiamare negli auditorium di tutto il mondo un sacco di giovani, ma non solo. Sono tanti, infatti, gli assidui frequentatori di palcoscenici classici che gli riconoscono talento, padronanza e fascino. David Garrett ieri sera non è stato soltanto clamore mondano, è stato capace di rendere omaggio a una delle più celebri pagine del repertorio violinistico di tutti i tempi: il Concerto in re maggiore op. 77 per violino e orchestra di Johannes Brahms.  Reduce dalla registrazione di quest’opera, il violinista, ospite per la prima volta dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai,  ha estasiato tutti i presenti con un suono d’estrema espressività del suo violino Stradivari. Il testo di Brahms sembra scritto apposta per evidenziare tutte le potenziali sfumature che un violino possa dare. David Garrett ha convinto tutti. Forse più che convinto, ha confermato la sua immagine, fatta da una parte di notorietà, dall’altra di grande sostanza tecnica e talento musicale indiscutibile.

Ben 5 i richiami d’applauso sul palco al termine della performance, e ben due i bis concessi: un omaggio violinistico a sua maestà Bach e uno più ironico, ma non per questo provocatorio, “Smooth Criminal” di Michael Jackson. Al termine del primo tempo, moltissimi hanno invaso le uscite secondarie dell'Auditorium a caccia di un autografo, una foto ricordo o più semplicemente un contatto diretto con l'artista. Scene un pò inconsuete nell'ambiente classico, ma che fanno sicuramente piacere e si fanno testimoni di un qualcosa che sta cambiando...il richiamo di artisti giovani porta i giovani in sala, e questo non può che non essere un bene.

Con Garrett sul palco, ospite alla direzione, Tomas Netopil, maestro di della Rundfunk – Sinfonieorchester di Berlino e l’Orchestre Philharmonique di Monte-Carlo che ha eseguto nel secondo tempo, senza meno successo, l’impegnativa e imponente Sinfonia n. 5 in sib maggiore di Anton Bruckner.

Stasera appuntamento all’Auditorium con la consueta seconda data di venerdì: ore 20.30 diretta su RaiRadio3.  



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts 🌷📚 È primavera, sbocciano fiori e fioriscono libri. Quattro consigli libreschi su Sliding Arts #booklovershttps://t.co/msJAEoWUcB
SlidingArts Tra le nomination di stasera @TheAcademy: @CMBYNFilm dell'italiano Guadagnino ➡️ https://t.co/Ie9h9BtMVC,https://t.co/6xujKnh8O6
SlidingArts «Call me by your name» è il nuovo film di Luca Guadagnino, ora nelle sale e candidato a 4 premi Oscar 🏆 ➡️… https://t.co/ZrfLwtYDyl
SlidingArts Se siete a corto di idee su cosa leggere, ci pensiamo noi. Uno dei nostri propositi del 2018 è quello di scrivere u… https://t.co/AHX5f72npk
SlidingArts Al Teatro Mancinelli di Orvieto con Maria Pia De Vito, Gino Paoli e Danilo Rea. In Core/Coração, Napoli e il Brasil… https://t.co/Z5laxSJa8v
SlidingArts Bottoni sardi e lucioles parigine, l’augurio di un sereno Natale da parte del team Sliding Arts ✨#slidingartshttps://t.co/ByXI00LhXg
SlidingArts RT @valentinacefalu: Mito indiscusso e icona di stile https://t.co/0ScNdpHCNr
SlidingArts «.. Poi arriva a una cena una donna con un pantalone nero da smoking e una camicia di seta bianca, un classico perf… https://t.co/am79NPaY5t
SlidingArts RT @LaFeltrinelli: I libri ci emozionano, ci fanno sognare, ci commuovono. E quante storie raccontano? Ecco il nostro regalo per voi, una s…

 

Partner