Nato da papà doppiatore e mamma teatrante, sin da piccolo si appassiona al cinema ed alle colonne sonore composte da Ennio Morricone e Danny Elfman. A otto anni si trova in mano per caso uno dei cd "l'America del Rock", antologia musicale che veniva distribuita da Repubblica nel 1994, lo consuma e rimanere folgorato da quelle canzoni.Inizia a suonare con il chitarrista Attilio Foresta Martin, amico di liceo. Forma con lui la band NOT, acronimo di Not Only Twelve, riferendosi alle dodici battute del blues, e improvvisa andando in giro per Roma. Verso i quindici anni un’enciclopedia del rock da Elvis ai Kraftwerk con tanto di spiegazioni soddisfa del tutto la sua sete di sapere su questo genere che ha scombussolato i passati dieci lustri musicali. Comincia così a far confluire le influenze classicheggianti delle colonne sonore cinematografiche con il più brillantinato rock ‘n’ roll elvissiano. Ma cerca di non trascurare nessun genere e così attraversa il pop, il jazz, il metal fino al folk, scrivendo testi in inglese. Nel suo primo album "Tutto il male vien per nuocere" (2008), con i Bal Musette Motel, nome ispirato ai locali ottocenteschi parigini, tra pezzi molto intensi come "Sondaggi" (live@TeatroValle) e "Sospesi", dedicati forse ad un ex-grande-amore ed un ironico contributo a Lady Gaga, spicca il brano "Le mie scuse più sincere", che si aggiudicherà nel 2012 il premio Musicultura XXIII edizione. Ma già nel 2009 duettava "Annina" con il suo grande ispiratore Max Gazze e lo scorso aprile finisce proprio per aprirgli i concerti nelle date di Bari e Campobasso, ricevendo una lusinghiera risposta dal pubblico. Successo e selezione tra i primi 60 al Festival di Sanremo giovani nel 2013 ed ecco che Tommaso si fa notare dall'etichetta del cantautorato romano (tra cui Alessandro Mannarino) "Leave Music" e la produzione dell'album di esordio, uscito un mese fa e distribuito da Universal, "Per fortuna dormo poco" (video di "Le Mie Scuse Più Sincere" live @Grandma recording). Mi descrive il suo ultimo lavoro indossando una maglietta dei Radiohead: “Più maturo, si ripete la varietà di generi offrendo 12 brani di cui dieci in stili musicali differenti”. Sicuramente ancora distinguibile una base blues/rock&roll ma non si nascondono versioni acustiche, rock e sperimentali. Gli chiedo come sia cambiata la sua vita dopo l’arrivo dell’etichetta musicale, e mi racconta aneddoti di viaggi per raggiungere le varie sale dove si è esibito. Il tutto è diventato più frenetico ma lui è sempre quello dei NOT. Nei confronti della sua band dice di comportarsi come una mamma, in viaggio prepara panini per tutti con massima attenzione a gusti e intolleranze varie, e compilation da viaggio, ovviamente la sua passione. Quando invece domando cosa si prova a passare da una platea di 15 a migliaia di persone mi racconta dei suoi primi live e dell’apertura dei concerti di Gazzé e mi spiega che aprire i concerti e convincere il pubblico che aspetta per vedere un altro è una sfida con se stessi (video dell'Opening Act). Il live per Tommaso è un’esperienza zen, intesa come consapevolezza piena di cosa si fa e cosa si dice in quel preciso istante. E trovandoci prima del live di Via Asiago presso gli studi Rai chiedo anche se il luogo in cui suona invece influisce sulle sue performance live, l’arrangiamento e la veste dei brani. Mi descrive i suoi live distinguendo le performance da quelle in studio e quelle dal vivo. Le prime, infatti, funzionano come il cinema: c’è la registrazione, lo studio, la finzione, il montaggio e la risposta del pubblico non è immediata. Il live invece è come recitare a teatro: l’atmosfera è intima in caso di piccole platee e le canzoni si trasformano anche in base al pubblico da versioni più acustiche a distorsioni e cambi. Al momento sono previste una quindicina di date per il lancio del disco e stà già lavorando a 30 canzoni nuove con cui ricominciare ancora una volta. 

Intanto ecco il video dal suo live @Teatro Palladium di "Farò Colpo"

Per ascoltare il podcast basta cliccare qui

PHOTOGALLERY: https://www.facebook.com/slidingart/info#!/media/set/?set=a.465581806853869.1073741835.456456391099744&type=3

 

 



 


 

Follow Us On Twitter - Image

twitter_right

SlidingArts RT @RussoRainaldi: For #WorldOperaDay a #MajorThrowback The very first #Opera I have worked on, the 2014 @festival_aix production of #Ariod
SlidingArts «Il nostro è il migliore dei mondi possibile. [...] Per quanto sia tutto così perfetto, per sopravvivere abbiamo bi… https://t.co/q9bgEEsXRo
SlidingArts RT @Elena_Bozzo: L’#ABC de #LAmicaGeniale: dalla A alla Z, tutto quello che ci ha insegnato #ElenaFerrante ➡️ https://t.co/IdrJVuW8xX #MyBr
SlidingArts #LAmicaGeniale dalla A alla Z ➡️ https://t.co/KHSAcmpYcm. Un originale alfabeto tratto dal romanzo di… https://t.co/rwiDJ1TJhw
SlidingArts «I libri sono tutto. I libri sono la vita» Addio alla grande #IngeFeltrinelli https://t.co/fzjwhbSg0X
SlidingArts Urbani Tartufi continua a sorprendere e ad essere un grande testimonial dell’Italia in uno scenario d’eccezione: al… https://t.co/dFP4K6Fisa
SlidingArts Per noi i consigli di lettura non finiscono con l’estate. Vi raccontiamo cos’ha letto ultimamente @martasuilibri in… https://t.co/65HRzLfJFH
SlidingArts Quali libri portare in vacanza? Ecco qualche consiglio flash @martasuilibri per riempire una valigia di libri, per… https://t.co/7HrCbev5ce
SlidingArts 📌🎶Per il settimo anno consecutivo Fondazione Monini presenta Musica da #CasaMenotti, 27 concerti gratuiti che si te… https://t.co/qEDaXEeYT1

 

Partner